In Sardegna esplode la protesta per gli aumenti dei biglietti dei traghetti. I primi ad accorgersene sono stati sicuramente i cittadini della Sardegna, ma anche chi in questi giorni si è recato in agenzia o ha provato a prenotare della vacanze in Sardegna online, trovando i costi per il traghetto sicuramente molto più alti rispetto a dodici mesi fa. E l’aumento non è stato per nulla leggero: si calcola infatti che gli aumenti in media possono superare il 70%, con picchi del 130% in alcuni casi. Aumenti secondo molti non giustificati, o quantomeno non in queste proporzioni. Infatti le società di navigazione si giustificano spiegando che l’aumento è chiaramente viziato dall’aumento del prezzo dei carburanti. Ma non sembra una valutazione corretta: secondo molti le compagnie Grandi Navi Veloci, Moby Lines e Sardinia Ferries hanno approfittato della situazione di Tirrenia (in amministrazione controllata) per fare cartello ed alzare i prezzi dei biglietti. Non a caso sono partiti numerosi esposti, uno all’Antitrust e non è detto che la Regiona possa avviarne un altro. Intanto si contano i “danni” per questi aumenti folli, dato che in tantissimi hanno disdetto le prenotazioni per la stagione estiva che partirà fra poco, nella speranza di trovare anceh qualche occasione low cost. Francesco Mattana, rappresentante per la Sardegna di Altroconsumo spiega come questi aumenti abbiano inciso sulle prenotazioni. “Per i campeggi le disdette sono già il 25%, per gli alberghi il 37%. Si potrebbe arrivare a una perdita di prenotazioni del 70% in tutti i settori turistici. L’aumento delle tariffe ha effetti anche sulle merci: i rincari ne hanno ridotto la mobilità del 30%”.

Pietro Gugliotta

RICEVI SUBITO L’ACCESSO 

EBOOK GRATUITO 

CORSI DI TRADING

SEGNALI DI TRADING GRATUITI 

TRADING CENTER