Sarkozy: “Bisogna tassare tutte le transazioni finanziarie del mondo”

Il presidente francese Nicolas Sarkozy è intervenuto al summit dell’Onu, “Millennium Goal”, che si pone gli obiettivi di proporre aiuti al Terzo mondo, il dimezzare la povertà, combattere la fame e dimnuire la mortalità, tutti con scadenza nel 2015. Sarkozy ha lanciato una proposta molto provocatoria che non sembra essere stata accettata da tutti i suoi colleghi: infatti il presidente francese ha proposto l’istituzione di una tassa universale su tutte le transazioni finanziarie. “La finanza combatta l’aumento della povertà. La finanza è diventata mondiale ed è quindi doveroso chiederle di partecipare alla stabilizzazione del mondo”. Alla proposta di Sarkozy ha subito dato parere positivo, il primo ministro spagnolo, Luis Rodriguez Zapatero, che ha rivelato al termine del summit, di voler conoscere anche il parere degli altri paesi del G20. Ed un primo parere non si è fatto attendere, purtroppo non è positivo. Infatti un parere negativo è arrivato dal ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini. “L’idea deve essere condivisa e applicata da tutti, ma i Paesi emergenti non prendono nemmeno in considerazione la ‘Sarkozy tax’. Irrealistico, poi, che l’Europa possa agire da sola”. Intanto dall’Onu, è arrivato un primo stanziamento di fondi per la povertà mondiale: si tratta di uno stanziamento record, 40 miliardi di dollari. La cifra è stata raccolta dopo donazioni di filantropi, associazioni ele donazioni di governi.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*