Startup: l’Italia punta la Cina

Tra pochi giorni il via all’Apec Small and Medium Enterprises Technology Conference, importantissimo appuntamento sull’innovazione tecnologica in Asia al quale, quest’anno, parteciperanno diverse Startup italiane. I battenti apriranno il 14 Luglio e i temi principali trattati saranno: soluzioni IT, servizi di produzione, energie rinnovabili. Per le Aziende italiane, l’evento rappresenta una grande vetrina nella quale mostrare l’eccellenza tecnologica made in Italy e ridurre le distanze con la Cina, cercando di aumentare la competitività delle imprese del settore anche a livello internazionale.

Startup: aprire un’azienda online con firma digitale e senza notaio

Il Ministero dello Sviluppo, con un nuovo decreto, renderà possibile, a partire dal 20 Luglio, l’apertura di una Startup online con una semplice firma digitale. Attraverso la compilazione del modello dell’atto costitutivo tramite nuove specifiche tecniche, non sarà più necessario recarsi dal notaio per la firma di certificazione dell’impresa creata. Il primo vantaggio, ovviamente, è quello economico. Tutte le nuove aziende online potranno risparmiare la spesa della parcella del notaio, semplicemente accedendo alla piattaforma startup.registroimprese.it. Il provvedimento è facoltativo e tutti coloro che vogliono procedere recandosi dal notaio potranno continuare a farlo.

Proprio oggi è il primo giorno di attivazione anche di un nuovo sistema digitale approvato dalla CONSOB, che consente alle imprese innovative di finanziarsi attraverso il crowdfunding. Il portale si chiama CrowdFundMe, e con soli 250 euro potranno essere acquistate quote di capitale. Si tratta di una vera e propria svolta per il settore delle nuove realtà online che spesso stentano a crescere proprio per mancanza di investimenti.

La capitale delle nuove imprese è Milano

All’estero, lo sviluppo delle nuove imprese innovative si concentra maggiormente in determinati centri, come ad esempio Londra o San Francisco. In Italia, per quanto il fenomeno sia ancora poco diffuso rispetto ad altri Paesi, le Startup sono dislocate su tutto il territorio, ma il Financial Times ha stabilito che è Milano la città delle nuove imprese. Le motivazioni sono quasi scontate: il capoluogo lombardo gode infatti di un grande prestigio universitario, dispone di capitali e rappresenta il simbolo industriale italiano.

La sorpresa del settore è però rappresentata dalla Sardegna, che nel biennio 2013-2015 ha attirato ben 36 milioni di euro di investimenti, circa il 20% del totale dei finanziamenti in Italia. L’isola si piazza al secondo posto proprio dietro la Lombardia, in controtendenza rispetto alla situazione del Mezzogiorno, dove l’innovazione non manca, ma i finanziamenti non arrivano. Tutto diverso invece nel Centro Nord, dove sono collocate la maggior parte delle imprese innovative. In tutto, in Italia, sono quasi 6.000 le aziende innovative, per lo più operanti nel settore informatico, e che danno lavoro ad oltre 20 mila persone.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*