Sterlina britannica: panico in Borsa dopo l’addio del Regno Unito all’UE

E’ successo, ha vinto il “Leave”, e le Borse, che fino alla chiusura dei seggi in Gran Bretagna ostentavano ottimismo, sono state letteralmente prese dal panico. La sterlina britannica cola a picco e trascina con se anche l’euro. Apertura drammatica dei mercati, giù anche la Borsa asiatica. La moneta inglese scende del 10%, toccando i minimi storici dal 1985, e andando sotto persino alla moneta dello Zimbabwe.

Sterlina britannica: Carney invita alla calma, la Banca centrale d’Inghilterra è pronta

Il Governatore della Banca centrale inglese prova a placare gli animi, sostenendo che l’Istituto è pronto a far fronte all’emergenza. Mark Carney ha dichiarato che saranno immediatamente prese tutte le misure necessarie a garantire la stabilità e che le banche del Regno posseggono oltre 600 miliardi di sterline in liquidità, con la possibilità, quindi, di garantire investimenti ad aziende e cittadini. Queste le sue parole, mentre l’Inghilterra si svegliava fuori dall’Europa, con la sterlina britannica in piena discesa:

Abbiamo la forza necessaria per adeguarci ai nuovi rapporti e accordi commerciali che si renderanno necessari nei prossimi anni.

Nel frattempo, però, la situazione sui mercati è drammatica: Francoforte a -8%, Parigi a -10%, Atene a -18%. Londra fa registrare “solo” un -6,70%, ma non si prevedono miglioramenti a breve. Piazza Affari segue la scia nera e perdono tutti, soprattutto nel settore assicurativo e bancario. Intesa Sanpaolo cede addirittura il 19%, mentre l’euro è in calo contro lo Yen. Questo contesto consente ai beni rifugio di volare, con l’oro che guadagna fino all’8%.

Cameron si dimette, reazioni contrastanti all’interno del Paese e nel mondo

Subito dopo l’annuncio ufficiale della vittoria del “Leave”, il primo ministro inglese David Cameron ha voluto rassicurare i sudditi che l’economia è forte e che non si vivrà una situazione drammatica. Inoltre, prima di dimettersi, il ministro ha voluto rasserenare anche i cittadini europei che vivono in Gran Bretagna e quelli inglesi che risiedono in Europa, dicendo loro che: “non ci saranno cambiamenti immediati”. Duro il ministro delle finanze tedesco Schaeuble, che ha ricordato che le regole per chi lascia l’UE sono chiare e verranno applicate senza sconti. E mentre le Borse vanno in tilt e la sterlina britannica si porta ai minimi storici, a Londra le prime conseguenze del risultato del referendum, con il premier che si dimette dichiarando che ora occorre una nuova leadership che guidi il Paese negli accordi con l’Unione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*