Taglio dell’Irpef, Matteo Renzi: “Andiamo avanti”

matteo-renzi-premierIl premier Matteo Renzi è molto deciso e vuole andare avanti per la sua strada: il primo passo è il taglio dell’Irpef. Un taglio che costerebbe 10 miliardi di euro alle casse dello Stato, strada in salita ma non troppo: Renzi sa benissimo che non c’è tempo da perdere, bisogna accelerare. La volontà del premier è quella di alleggerire il carico fiscale sul lavoro, per questo è alla ricerca di risorse economiche che possano sbloccare il taglio dell’Irpef. Mercoledì si terrà un importante Consiglio dei Ministri, in quell’occasione si potrà sapere qualcosa in più sui nuovi provvedimenti richiesti da Renzi. Lo stesso premier ha commentato le voci delle ultime ore: sembra infatti che ci sia una spaccatura fra chi vuole mantenere l’Irpef e chi voglia invece alleggerire l’Irap. “È buffo che, mentre di solito si trattava di annunciare nuove tasse, ora che invece si parla di risorse per far ripartire il Paese ci si divida in uno sterile derby tra chi è per l’Irap e chi per l’Irpef. Noi dobbiamo andare avanti diritti, mettendo a punto un pacchetto di misure da presentare mercoledì. Il nostro obiettivo, in queste ore, è uno solo: cercare le coperture” ha sottolineato il premier. In realtà, da Confindustria si propende per un’altra soluzione: è giusto diminuire le tasse ai lavoratori, ma è altrettanto corretto diminuire il carico fiscale sugli imprenditori. Per questo motivo, il Governo potrebbe optare per una strada alternativa: concentrare i dieci milioni di euro di sgravi fiscali sia sull’Irpef che sull’Irap. “Il sistema economico si aiuta usando due leve: la riduzione delle aliquote Irpef e l’Irap” spiega il presidente della Confcommercio, Sangalli.

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*