Tremonti: “Puniremo falsi invalidi ed evasori fiscali”

Al termine delle riunioni dell’Ecofin, il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti è intervenuto in conferenza stampa. Tremonti non ha parlato nei dettagli della manovra che ha intenzione di presentare al Governo, ma ha fornito alcune interessanti anticipazioni. “E’ ora di ridurre effettivamente il peso della mano pubblica. L’Italia ha ricevuto nel dicembre scorso indicazioni dalla Ue per la correzione dei propri conti pubblici.
Noi intendiamo rispettare quegli impegni e quei numeri. Non c’è stato chiesto nient’altro. Se mi si chiede se stiamo stravolgendo il sistema pensionistico dico di no, perché funziona bene: abbiamo il sistema previdenziale più stabile d’Europa.
Non metteremo le mani nelle tasche dei cittadini, non aumenteremo le tasse
– spiega Tremonti – Ho sentito parlare di tagli agli stipendi dei parlamentari dell’ordine del 5%. Mi viene da sorridere. Per me è solo un aperitivo. C’è una vasta e ampia area di spesa improduttiva – ha proseguito il ministro – Per esempio, c’e la spesa per l’invalidità che dal 2001 ad oggi, col Titolo quinto che ha dato alle Regioni poteri di spesa ma non di presa, è salita da 6 miliardi di euro a 16 miliardi di euro, un punto di Pil.
E poi ci sono trasferimenti dal ministero degli Interni ad una platea di Comuni che ammontano a 15 miliardi ogni anno. Ci sono dunque enormi margini di intervento senza che si producano effetti distorsivi o recessivi. E quando dico ridurre la spesa pubblica
– ha concluso il ministro- dico che c’è un uso non appropriato del denaro pubblico”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*