Trichet boccia le tassa sulle banche e sulle transazioni finanziarie

La BCE, Banca Centrale Europea, ha apertamente bocciato l’idea del presidente francese Nicolas Sarkozy, espressa pochi giorni fa davanti l’Assemblea dell’Onu. Sarkozy chiedeva di creare una nuova tassa sulle transazioni finanziarie, l’idea inoltre era sembra opportuna dal governo Tedesco che l’aveva appoggiata in pieno. Ma arriva in questi giorni la bocciatura piuttosto netta di Jean-Claude Trichet, il presidente della Bce. “E’ una idea non auspiscabile, tanto meno se l’Europa si muovesse da sola in qusesta iniziativa. Infatti si otterrebbe solo di spostare le transazioni finanziare in quei paesi dove la tassa non viene applicata”. In ogni caso l’idea verrà presto proposta al G20, il meeting che raccoglie le 20 nazioni più industrializzati, dunque probabilmente verrà chiesto un parere a paesi molto importanti come gli Stati Uniti, il Giappone o la Russia, per citarne alcuni. Ma anche qui Trichet è scettico: “Dalle nostre analisi, non è auspicabile per motivi sia economici che finanziari e anche per motivi tecnici: ci sarebbero difficoltà enormi a approntare questa eventuale tassa. Mi rendo conto che l’idea possa risultare seducente – ha concluso – ma è nostro dovere segnalare grandi difficoltà là dove le individuiamo”. La preoccupazione piu forte per Trichet è quella per le banche europee: in questo momento non si possono tassare, perchè vivono un periodo difficile, piuttosto andrebbero rafforzate.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*