Lo scorso weekend si è tenuta a Budapest la riunione informale dell’Ecofin, dove erano presenti tutti i principali ministri delle finanze dei paesi europei. Insieme a loro era presente anche il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, che non ha perso occasione per lanciare un duro allarme: “nell’Eurozona abbiamo ancora un livello di disoccupazione inaccettabile ha dichiarato Trichet a margine della riunione dell’Ecofin, durante la propria conferenza stampa finale. “Per rafforzare la crescita e aumentare i livelli di occupazione bisogna andare avanti con il risanamento dei conti pubblici e le riforme strutturali. E questo, comunque, vale per tutti i Paesi, senza eccezione” ha spiegato Trichet, confermando come ci sia attualmente in atto una ripresa. “La ripresa dell’attività nell’Eurozona continua, ma restano molte incertezze. Restano i rischi legati alla situazione in cui versano alcuni segmenti dei mercati finanziari e l’impatto sulla crescita sia delle crisi in Nordafrica sia del dramma accaduto in Giappone”. Anche Olli Rehn, commissario Ue agli affari economici e monetari, conferma la ripresa dell’economia europea. “La ripresa prosegue anche se in maniera diversificata tra Paese e Paese”. Il meeting di Budapest ha inoltre permesso di continuare le manovre all’interno dell’Ecofin, per la successione di Trichet per il prossimo presidente della Bce: il ministro tedesco ha confermato che verrà presa una decisione in merito entro fine giugno.

Pietro Gugliotta

RICEVI SUBITO L’ACCESSO 

EBOOK GRATUITO 

CORSI DI TRADING

SEGNALI DI TRADING GRATUITI 

TRADING CENTER