Trichet: “Migliorate stime 2010, ma nel 2011…”

Jean-Claude Trichet, presidente della Bce (Banca Centrale Europea) ha rilasciato una interessante intervista. Punto focale di questa intervista è stato il suo appunto sulle stime 2010-2011: Trichet ha spiegato che c’è stato un modesto miglioramento sulle stime 2010, mentre si pensa ad una riduzione dalle prime stime per il 2011. L’Eurotower ha alzato le proprie stime sull’inflazione 2010 e 2011 dell’Eurozona. Per il 2010 la previsione é stata portata all’1,5% dall’1,2%, mentre per il 2011 il nuovo dato segna 1,6% contro il precedente 1,5%. Ecco le parole del numero della Banca Centrale Europea.
“Le previsioni dello staff sono in linea con quelle degli altri previsori internazionali. L’inflazione – ha spiegato Trichet – è salita negli ultimi mesi riflettendo per lo più il rialzo dei prezzi dell’energia e nella seconda metà di quest’anno non si possono escludere ulteriori rialzi visto che le tensioni sui prezzi delle materie prime potrebbero persistere. Nel primo semestre del 2010 – ha detto il presidente della Bce – è continuata la ripresa dell’economia nell’Eurozona ma i tassi di crescita trimestrali sono piuttosto diseguali. Per questo ci aspettiamo una crescita moderata in uno scenario di tensioni persistenti in alcuni ambiti finanziari e di incertezza insolitamente alta. La crescita dipende da noi – prosegue – dai nostri comportamenti e secondo noi è cruciale la questione della fiducia. Sia a livello di Ue e sia a livello di eurozona appoggiamo l’idea di una forte governance economica”. Conclusione sulla moneta unica europea. L’euro può vantare “un record eccezionale nel preservare stabilità dei prezzi, e questo è un asset prezioso per chi deve fare investimenti”.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*