Ue, la Slovacchia approva l’allargamento del fondo salva Stati

Buone notizie per il fondo salva Stati: oggi, si è riunito il parlamento della Slovacchia. Il punto più importante della giornata era l’allargamento del fondo salva Stati: mancava solo la Slovacchia, tutti gli altri paesi avevano votato in maniera positiva. Restava dunque il voto della Slovacchia, che a sorpresa la prima volta ha votato no: il parlamento slovacco infatti, nei giorni scorsi, nonostante il Governo avesse posto la fiducia su questa votazione, non ha raggiunto la maggioranza. Infatti erano necessari 76 “si” ed il parlamento non ha raggiunto quella quota, fermandosi a 55 voti positivi. L’esecutivo slovacco dunque in grande crisi e potrebbe presto cadere: ma nel frattempo si sta studiando una possibile alleanza fra il partito di maggioranza e i “ribelli”, ossia coloro che pur facendo parte della maggioranza hanno votato a sfavore della fiducia. Si tratta dei 22 deputati del partito liberale SaS. Se il governo slovacco riuscirà a far passare questa votazione, il fondo salva Stati potrebbe ricevere dal paese dell’Est Europa una quota pari 7.7 miliardi di euro. Proprio sulla cifra si è acceso il dibattito: equivale a circa il 10% del PIL, una cifra troppo elevata secondo i liberali, che spiegano come la Slovacchia sia un paese troppo povero per permettersi di pagare gli errori delle altre nazioni. A gettare benzina sul fuoco, il presidente della Banca Centrale Europea, Jean Claude Trichet, che nelle ore antecedenti al voto slovacco, ha fatto pressione all’Europa: “la crisi peggiora, altri ritardi aggraveranno la situazione. Abbiamo i minuti contati, la crisi è diventata sistemica, nelle ultime tre settimane è peggiorata e le istituzioni devono agire senza ulteriori ritardi”. Il parlamento della Slovacchia è tornato al voto quest’oggi e finalmente si è votato a favore dell’allargamento del fondo salva Stati: dal paese slovacco arriveranno 7.7 miliardi di euro, tali da portare il fondo ad una quota totale di 440 miliardi di euro.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*