Unione Europea: “Per l’Italia rischi di stress di bilancio nel medio periodo”

euro_euroLa Commissione Ue ha pubblicato il rapporto 2012 sulla sostenibilità dei conti: l’organismo europeo ha posto grande interesse per le situazioni di Italia e Spagna, oltre a fare una panoramica generale sugli altri Paesi. “L’Italia non affronta rischi di stress di bilancio nel breve termine, ci sono rischi medi per il medio periodo, mentre diventano scarsi in una lunga prospettiva, condizionati alla piena applicazione dell’ambizioso consolidamento in corso. Sulla base delle politiche attuali il debito italiano scenderà nel medio termine e oltre” esordisce il documento, uscito in questi giorni. L’Italia ha assoluto bisogno di una forte determinazione per evitare cedimenti sul fronte fiscale: il Paese deve proseguire sulla strada tracciata in questi mesi, la strada delle riforme. “L’Italia deve continuare in modo risoluto ad applicare le misure che aiutano la sostenibilità e riducono il debito pubblico. Grazie alla riforma delle pensioni, in Italia il costo dell’invecchiamento della popolazione è sceso di 0,8 punti di Pil e i rischi per i conti ad esso connessi sono limitati” spiegano dalla Commissione dell’Unione Europea. Per quanto riguarda la Spagna, la situazione del Paese iberico resta più critica: si parla di stress sui conti pubblici nel breve periodo, con un 2013 che potrebbe essere davvero critico, sia per la situazione del debito spagnolo che per una possibile perdita di competitività.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*