Usa, proposta choc di Obama: “Stipendi bloccati per i dipendenti pubblici”

Il 29 novembre potrebbe essere un giorno storico per i dipendenti americani: il presidente Barack Obama ha annunciato una proposta scioccante. Vorrebbe bloccare gli stipendi dei dipendenti pubblici per due anni, contro la crisi. Ecco uno stralcio del discorso alla Casa Bianca di Obama. “Appena entrato in carica, due anni fa, avevo congelato gli stipendi del mio staff. La dura verità è che tenere sotto controllo il deficit significa fare un grosso sacrificio, che dovrà essere sostenuto dagli impiegati del governo federale“. Per Obama è un periodo duro: è chiaro che bisogna stringersi e fare tutti lo stesso gioco, dunque sacrificarsi. “Dopo tutto le piccole imprese e le famiglie stanno tirando la cinghia, è giusto che lo faccia anche il governo. E’ una decisione non presa facilmente, ma c’è la necessità di tenere sotto controllo il deficit e per farlo sono necessari sacrifici da parte di tutti. La mia speranza è di trovare un accordo. La sfida più importante è quella fra l’America e la nostra economia. Non possiamo essere appesantiti da debiti e deficit. Dobbiamo tagliare le spese superflue per spendere dove è necessario”. Perchè di debiti l’amministrazione Obama, ne ha ereditati parecchi: secondo fonti vicine alla Casa Bianca, si parla di 1.300 miliardi di dollari di deficit, aggravati dalla crisi economica mondiale. Insomma non un periodo molto florido, nonostante adesso l’economia americana sia in crescita, preoccupa sempre l’occupazione. Vedremo come questa proposta verrà recepita dai dipendenti statali americani.

Pietro Gugliotta

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*