Verizon Communications: pronti 3 miliardi per acquisire Yahoo

Il colosso delle comunicazioni statunitense sarebbe pronto a lanciare un’offerta incredibile per comprare Yahoo. Si tratterebbe, per ora, di un’indiscrezione ancora non confermata da Verizon Communications, e raccolta dal Wall Street Journal, a quanto pare da fonti anonime. La cifra che il gigante americano sarebbe disposta a pagare per il sito è di circa 3 miliardi. Ieri, effettivamente, era l’ultima giornata valida per presentare offerte e la società statunitense sarebbe entrata in azione proprio all’ultimo momento, forse per vincere facile evitando rilanci da terze parti.

Verizon Communications: accordo con KDDI per aumentare la clientela

Ieri, per Verizon Communications, è stata la giornata delle offerte. Oltre alla non ancora ufficiale proposta stellare al sito Yahoo, il colosso delle comunicazioni ha stretto un accordo con la società giapponese KDDI per estendere la propria rete di clientela. In particolare, la partnership andrà a vantaggio dei turisti giapponesi ai quali verrà offerto un servizio Voice LTE in roaming, ovvero tali clienti potranno utilizzare una rete 4G durante il loro soggiorno negli USA. Con questo accordo, l’azienda americana è diventata il primo gestore di telefonia mobile che offrirà un servizio “VoLTE” a viaggiatori stranieri. Da parte sua, la KDDI sarà il primo partner di VC e potrà offrire ai propri abbonati un servizio esclusivo che certamente sarà molto apprezzato. Il patto è giunto anche in considerazione del fatto che i giapponesi sono i maggiori visitatori degli Stati Uniti da molti anni e la tendenza certamente non cambierà a breve. L’offerta per i turisti dovrebbe essere già attiva nelle prossime settimane. L’azienda americana continua a crescere senza arrestarsi, tant’è che il titolo quotato in Borsa è tra i più popolari dell’ultimo periodo e sta dando grande soddisfazione anche agli investitori.

A Yahoo offrono 3 miliardi, ma Marissa Mayer ne voleva 4

Quella che sembra un’offerta stellare da parte di Verizon Communications nei confronti di Yahoo, non corrisponderebbe però ai desideri della leader del sito internet Marissa Meyer. I portavoce delle due parti ancora non si sono espressi in merito all’indiscrezione, ma alcune fonti anonime affermano che la Meyer puntava in realtà a strappare al gigante statunitense ben 4 miliardi. Aspettative un po’ alte forse, tanto più che l’offerta ricevuta all’ultimo minuto non comprenderebbe né brevetti né gli immobili. Nessuna dichiarazione in merito nemmeno dagli altri pretendenti, che attualmente sarebbero Advent International, Vista Equity Partners e un gruppo di investitori guidato da Dan Gilbert. Alcuni di loro, al contrario della società di telecomunicazioni americana, potrebbe aver presentato un rilancio comprendente quelle attività del gruppo Yahoo scartate dal colosso guidato da Lowell McAdam, ovvero proprio i brevetti e gli immobili. In pratica, la VC si sarebbe concentrata solo ed esclusivamente sugli asset. Yahoo aveva ufficializzato di essere “in vendita” all’inizio dell’anno, dopo le insistenti voci che arrivavano già dal 2015. Nonostante l’azienda guidata da Marissa Mayer sia la quinta società mondiale più popolare, una trasformazione radicale sembrerebbe necessaria, soprattutto a causa del terreno perso nei confronti della concorrenza, specialmente sul mercato.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*