Airbus e Air France sperano che i fondi verdi dell’UE vengano utilizzati per premiare gli aerei


2/2

© Reuters. Foto del file: Il 2 luglio 2020, il logo Airbus può essere visto all’ingresso della fabbrica di Blagnac vicino a Tolosa, in Francia. REUTERS/Benoit Tessier

2/2

Lawrence Frost

PARIGI (Reuters)-Airbus e Air France-KLM hanno esortato i responsabili delle decisioni a utilizzare i fondi di stimolo verde sostenuti dall’UE per sostenere le vendite di aeromobili, secondo i documenti pubblicati giovedì da InfluenceMap, l’ente regolatore della lobby del clima guidato dagli investitori.

Nei documenti e nelle presentazioni ai funzionari, compreso il personale di Frans Timmermans, vicepresidente della Commissione europea, queste aziende ritengono che gli incentivi finanziati dai contribuenti per gli attuali modelli di aeromobili possano essere approvati Eliminare i jet più vecchi e meno efficienti per ridurre le emissioni.

Secondo il riassunto delle “Informazioni chiave” pubblicato da Air France-KLM il 26 marzo, “il sostegno può assumere la forma di un programma di sovvenzioni di stimolo verde”. Il gruppo della compagnia aerea ha rifiutato di commentare.

I documenti di Airbus e Air France-KLM fanno parte delle e-mail, lettere e documenti di sintesi ottenuti da InfluenceMap in base alle regole sulla libertà di informazione, che affermano di rivelare resistenza alle politiche climatiche dell’UE, che a volte sono in linea con gli impegni pubblici di l’industria incoerente.

L’industria aeronautica della regione ha promesso a febbraio di raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2050.

Un portavoce di Airbus ha detto a Reuters che a breve termine, le emissioni possono essere ridotte “fornendo un sostegno finanziario alle compagnie aeree per eliminare il più presto possibile i vecchi velivoli meno rispettosi dell’ambiente e sostituirli con nuovi velivoli a basso consumo di carburante”.

Poiché gli investitori fanno sempre più pressione sulle industrie ad alta intensità di carbonio, richiedono trasparenza nelle loro pressioni sulle questioni climatiche. InfluenceMap fornisce ricerche per oltre 100 azioni per il clima e i suoi 575 membri gestiscono $ 54 trilioni di risorse.

In un duro colpo alla gestione di ExxonMobil (NYSE:), gli azionisti hanno nominato tre direttori radicali il mese scorso per promuovere gli obiettivi di transizione energetica e hanno approvato una risoluzione di BNP Paribas (OTC:) che ordina questo Una major petrolifera ha riferito se le sue attività di lobbying erano in in linea con l’accordo di Parigi.

La compagnia aerea è ora in prima linea. Prima dell’assemblea degli azionisti di giovedì prossimo, un’altra richiesta guidata da BNP Paribas di richiedere a Delta Air Lines (NYSE:) di condurre divulgazioni di lobbying sul clima è stata supportata da influenti consulenti di agenzie ISS e Glass Lewis.

Secondo una copia modificata della presentazione, Airbus ha proposto i suoi incentivi di “stimolo verde” ai funzionari di Bruxelles il 9 febbraio, suggerendo anche che potrebbero applicarsi agli aerei ordinati prima della pandemia per supportare il libro degli ordini.

“Se il piano può essere utilizzato per garantire che le sostituzioni degli aeromobili siano state pianificate prima della crisi, il piano otterrà riduzioni delle emissioni di anidride carbonica ancora più elevate”, ha affermato.

Un portavoce ha affermato che il comitato è in “regolare contatto con tutte le parti interessate”, ma non ha commentato immediatamente l’introduzione. Qualsiasi appello per incentivi alle vendite può innescare una controversia sul supporto dell’aviazione lunga 17 anni, che gli Stati Uniti e l’Europa sperano di risolvere il prima possibile.

Le organizzazioni del settore, tra cui European Airlines (A4E) e ASD sostenuta da Airbus, hanno emesso i loro impegni netti zero all’inizio di febbraio, avvertendo che ciò dipende dal carburante per aviazione sostenibile (SAF), dalla nuova tecnologia aeronautica e dal sostegno politico per una riforma globale dell’aria regionale. Sistema di controllo del traffico.

Ma il rapporto di lobby descrive in dettaglio le principali compagnie aeree dell’UE – tra cui anche Lufthansa, IAG (LON:) e Ryanair – per indebolire gli sforzi per imporre SAF, imporre una tassa sul cherosene e includere più voli nel sistema di scambio di emissioni dell’UE. .

InfluenceMap ha dichiarato: “L’industria ha fornito un supporto di alto livello per le emissioni nette zero dell’aviazione dell’UE entro il 2050, opponendosi alle normative climatiche specifiche nazionali e a livello dell’UE per aiutare a raggiungere questo obiettivo”.

Ha aggiunto che la principale compagnia aerea che ha ricevuto 30 miliardi di euro in aiuti per la crisi del COVID-19 è “uno dei più importanti oppositori di ambiziose politiche climatiche nella regione”.

La compagnia aerea ha criticato il rapporto in una dichiarazione rilasciata dalle sue principali agenzie regionali dopo il rilascio di una versione pre-release.

“La nostra idea di ‘fare pressione attiva’ contro la politica climatica dell’UE per raggiungere questi obiettivi è sbagliata”, ha affermato A4E. “Ci impegniamo ad accelerare le nostre riduzioni delle emissioni di carbonio e a raggiungere zero emissioni nette entro il 2050”.

(1 USD = 0,8206 Euro)





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *