Alfa contro Beta: qual è la differenza?

Alfa controBeta: Panoramica

Alpha e Beta sono due indicatori chiave utilizzati per valutare le prestazioni di azioni, fondi o portafogli.

Alpha misura l’importo del ritorno su un investimento rispetto a un indice di mercato o altro benchmark ampio rispetto al quale viene confrontato.

Beta misura la volatilità relativa di un investimento. Mostra il suo rischio relativo.

Alpha e Beta sono calcoli standard utilizzati per valutare il rendimento di un portafoglio e Deviazione standard, R al quadrato,così come Rapporto di nitidezza.

Sia alfa che beta sono metriche storiche.

Α

Il numero alfa di un titolo è espresso come un singolo numero, ad esempio 3 o -5. Tuttavia, questa cifra rappresenta effettivamente la percentuale dei prezzi delle azioni o dei fondi che è superiore o inferiore all’indice di riferimento. In questo caso, la performance del titolo o del fondo è rispettivamente del 3% e del 5% migliore rispetto all’indice.

Punti chiave

  • Alpha mostra quanto bene (o male) un titolo si comporta rispetto all’indice di riferimento.
  • Beta rappresenta il grado di volatilità dei corsi azionari rispetto all’intero mercato.
  • Alfa alto è sempre buono.
  • Gli investitori in titoli growth possono preferire un beta elevato, ma gli investitori che cercano rendimenti stabili e rischi inferiori potrebbero evitarlo.

Un alfa di 1,0 significa che l’investimento sovraperforma il suo indice di riferimento dell’1%. Un alfa di -1,0 significa che la performance dell’investimento è inferiore dell’1% rispetto al suo indice di riferimento. Se alfa è zero, il suo rendimento corrisponde al benchmark.

Tieni presente che alfa è un numero storico. È utile monitorare l’alfa di un titolo nel tempo per vedere la sua performance, ma non può dirti come andrà domani.

Qual è la differenza tra la versione alfa e la versione beta?

Alpha per gestori di portafoglio

Per i singoli investitori, Alpha aiuta a rivelare la performance di azioni o fondi rispetto ai peer o all’intero mercato.

I gestori di portafoglio professionisti calcolano l’alfa come un tasso di rendimento che supera o è inferiore alle previsioni del modello.ne usano uno Capital Asset Pricing Model (CAPM) per prevedere il potenziale ritorno del portafoglio di investimenti.

Questo di solito è uno standard più elevato. Se l’analisi CAPM mostra che in base al rischio, alle condizioni economiche e ad altri fattori, il portafoglio avrebbe dovuto ricevere un rendimento del 5%, ma il rendimento del portafoglio è solo del 3%, allora l’alfa del portafoglio sarà un frustrante -2% .

Formula alfa:

alcuni














Α

=



prezzo finale

+

Potenza di uscita



Prezzo di partenza



Prezzo di partenza













dov’è:














Potenza di uscita

=

Distribuzione per azione



begin{allineato} &text{Alpha} = frac{ text{Prezzo finale} + text{DPS}-text{Prezzo iniziale} }{ text{Prezzo iniziale}} &textbf{dove :} &text{DPS} = text{distribuzione per condivisione} end{allineamento}


Α=Prezzo di partenzaprezzo finale+Potenza di uscitaPrezzo di partenzadov’è:Potenza di uscita=Distribuzione per azionealcuni

I gestori di portafoglio cercano di generare valori alfa più elevati diversificando i loro portafogli per bilanciare i rischi.

Sia l’alfa che la beta sono misure delle prestazioni passate.

Poiché alfa rappresenta la performance del portafoglio rispetto al benchmark, rappresenta il valore che il gestore del portafoglio aggiunge o sottrae dal rendimento del fondo. Il numero di base di alfa è zero, il che indica che il portafoglio o il fondo segue perfettamente l’indice di riferimento. In questo caso, il gestore degli investimenti non ha né aumentato né perso valore.

Beta

Il coefficiente beta viene spesso definito coefficiente beta, che rappresenta la volatilità di azioni, fondi o portafogli azionari rispetto all’intero mercato. L’indice di riferimento (il più comune è l’indice Standard & Poor’s 500) viene utilizzato come misura proxy del mercato, con un beta di 1.0. Comprendere la volatilità dei prezzi delle azioni può aiutare gli investitori a decidere se vale la pena rischiare.

Il numero di riferimento di Beta è 1, che indica che il prezzo di un titolo cambia completamente con i cambiamenti del mercato. Un valore Beta inferiore a 1 significa che la volatilità del titolo è inferiore a quella del mercato e un valore Beta maggiore di 1 significa che il suo prezzo è più volatile rispetto al mercato.

Se un titolo ha un beta di 1,5, è considerato il 50% più volatile rispetto al mercato complessivo.

Come l’alfa, anche la beta è un numero storico.

Esempio beta

Di seguito sono riportati i coefficienti beta di tre titoli noti al 2021 al momento della scrittura:

Micron Technology Corporation (mu): 0.91
Coca-Cola Company (alto): 0,61
Mela. (AAPL): 1.18

Possiamo vedere che la volatilità di Micron è maggiore del 26% rispetto al mercato nel suo insieme, mentre la volatilità di Coca-Cola è del 37% maggiore di quella del mercato, mentre Apple è più vicina al mercato o con una volatilità dello 0,01% in meno rispetto al mercato.

Il coefficiente beta accettabile varia in base all’azienda e al settore. Molti titoli di servizi pubblici hanno un beta inferiore a 1 e molti titoli high-tech quotati al Nasdaq hanno un beta maggiore di uno. Per gli investitori, ciò indica che i titoli tecnologici possono fornire rendimenti più elevati, ma di solito comportano maggiori rischi e che i titoli dei servizi pubblici generano un reddito stabile.

Sebbene l’alfa positivo sia sempre preferibile all’alfa negativo, il beta non è così chiaro. Gli investitori avversi al rischio, come i pensionati che cercano un reddito stabile, sono attratti dal beta più basso. Gli investitori con tolleranza al rischio alla ricerca di maggiori rendimenti sono generalmente disposti a investire in azioni a beta più elevato.

Formula beta

Questo è un utile Formula per il calcolo β:













Beta

=


CR

La differenza nei rendimenti di mercato














dov’è:














CR

=

Covarianza del rendimento dell’asset e del rendimento di mercato





begin{allineato} &text{Beta} = frac{ text{CR} }{ text{varianza del rendimento di mercato}} &textbf{dove:} &text{CR} = text{Covarianza del rendimento dell’asset e del rendimento di mercato} end{allineato}


Beta=La differenza nei rendimenti di mercatoCRdov’è:CR=Covarianza del rendimento dell’asset e del rendimento di mercato

  • La covarianza viene utilizzata per misurare la correlazione di due variazioni del prezzo delle azioni. La covarianza positiva significa che le azioni tendono a muoversi in sincronia, mentre la covarianza negativa significa che si muovono nella direzione opposta.
  • La varianza si riferisce alla quantità di variazione di un titolo rispetto al suo valore medio. Viene spesso utilizzato per misurare la fluttuazione dei prezzi delle azioni nel tempo.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *