Analisi: capacità di produzione limitata e difficoltà logistiche rallentano il trasferimento globale dei minatori cinesi di Bitcoin – shareandstocks.com


* I minatori cinesi di Bitcoin sono colpiti dai rischi finanziari del paese

* I minatori di Bitcoin cercano data center con elettricità a basso costo e clima fresco

* La diversificazione geografica può verificarsi dopo un’interruzione a breve termine

Reuters, Hong Kong/Shanghai, 7 luglio – I grandi minatori di Bitcoin in fuga dalla Cina per sfuggire all’attacco statale impiegheranno mesi per riavviare le operazioni, poiché i data center dal Texas alla Siberia si stanno arrampicando per proteggerli Spazio ed elettricità, e molti piccoli minatori potrebbero non essere in grado di muoversi affatto.

Il bitcoin viene solitamente creato o “estratto” da computer ad alte prestazioni situati in data center in diverse parti del mondo, in competizione per risolvere complessi problemi matematici nel processo di uso intensivo dell’elettricità.

Dopo che il Consiglio di Stato o il Gabinetto hanno annunciato alla fine di maggio di reprimere il commercio e l’estrazione di Bitcoin contro i rischi finanziari, l’industria cinese, che rappresenta il 70% della capacità produttiva globale, è caduta nel caos.

I minatori cinesi ora stanno chiudendo o stanno cercando di andarsene, cercando autorità tolleranti, basse temperature per evitare il surriscaldamento delle macchine e elettricità a basso costo: idealmente, l’elettricità in eccesso dalle centrali idroelettriche o dai giacimenti petroliferi andrà sprecata.

Secondo le stime dei ricercatori dell’Università di Cambridge, l’elettricità consumata dall’estrazione globale di bitcoin all’inizio di luglio era quasi uguale al consumo annuo in Austria, anche se era diminuita del 50% da maggio.

Sebbene nel lungo periodo questa mossa promuoverà l’emergere di nuovi centri minerari, i minatori stanno attualmente affrontando una capacità limitata dei data center all’estero e sfide logistiche.

Thomas Heller, Chief Commercial Officer di Compass Mining, ha spiegato: “Nessuna di queste persone sarà online a giugno o luglio.” Ha spiegato che i minatori devono raccogliere macchine sparse in tutta la Cina, testarle, pulirle e imballarle e spedirle a Prima installazione all’estero e attraverso la dogana.

I minatori hanno affermato che per i piccoli minatori cinesi con meno contanti a disposizione, è più difficile pagare il trasporto merci nella logistica e non hanno familiarità con le operazioni all’estero, quindi potrebbe essere difficile trovare un centro di custodia di cui fidarsi.

Tuttavia, Compute North gestisce data center che ospitano minatori di Bitcoin in Texas, Nebraska e South Dakota. Ad esempio, sta accelerando i suoi piani di espansione previsti per il prossimo anno per soddisfare “l’afflusso di massa di persone dalla Cina”. In”.

Dave Perrill, CEO di Compute North, ha dichiarato: “Non c’è dubbio che con lo sviluppo dell’infrastruttura vedremo un gran numero di computer immagazzinati nei magazzini nei prossimi 6, 9, 12 mesi”.

“Il nostro obiettivo è distribuirlo su larga scala nel primo e nel secondo trimestre del 2022… (ma) questa non è una semplice conversione, richiede molta ingegneria, approvvigionamento e costruzione complesse”.

BitRiver, con sede a Mosca, gestisce un data center che ospita minatori di bitcoin in Siberia e ha accelerato i piani per costruire nuove strutture ed espandere le strutture esistenti per soddisfare alcune delle esigenze delle persone che lasciano la Cina.

BitRiver stima che i requisiti di spazio nelle sue strutture aumenteranno a 1,5 milioni di minatori, richiedendo fino a 2,5 GW di elettricità, facendo impallidire i 125 MW dei suoi attuali tre data center.

Il portavoce di BitRiver, Roman Zabuga, ha dichiarato: “Sappiamo che le aziende stanno lasciando la Cina perché vengono direttamente da noi”.

Secondo Adam James, senior editor di OKEx Insights, il divieto cinese di mining di bitcoin potrebbe causare il blocco del 90% del mining di bitcoin nel paese. Alcuni minatori hanno scaricato macchine per la disperazione.

Il co-fondatore Didar Bekbauov ha affermato che il centro di hosting Hive Mining con sede in Kazakistan riceve ogni giorno circa quattro richieste da potenziali clienti cinesi su prezzi, disponibilità e normative.

Ha detto che il data center del Kazakistan semplicemente non ha abbastanza spazio pronto per ospitare tutti questi minatori.

Tuttavia, le turbolenze nel mining di Bitcoin in Cina non sono una cattiva notizia per tutti.

“Dopo che centinaia di migliaia di macchine per l’estrazione di Bitcoin in Cina sono improvvisamente andate offline, le nostre entrate sono aumentate automaticamente”, ha affermato Dell Irvine, presidente di Greenidge Generation, una struttura di estrazione di Bitcoin e generazione di energia con sede a New York.

L’algoritmo che controlla Bitcoin mantiene un normale tasso di produzione e viene modificato circa ogni due settimane.Se ci sono molte macchine di mining, è necessaria più potenza di calcolo per generare Bitcoin o, se inferiore, ridurla.

Dal giro di vite della Cina, il mining di Bitcoin ha toccato il minimo di sei mesi.

Kevin Zhang, vice presidente dello sviluppo aziendale di Foundry, una società di estrazione, finanziamento e consulenza di criptovalute con sede negli Stati Uniti, ha affermato che a lungo termine, la repressione potrebbe promuovere la diversificazione geografica.

Ha detto: “Molti paesi che non sono stati sfruttati prima dai minatori di Bitcoin, come il Sud-Est asiatico, il Sud America o l’Australia, saranno incentivati ​​a utilizzare le loro fonti di energia rinnovabile. Questi mercati energetici non erano necessari prima. “(Alun John in Hong Kong e Samuel a Shanghai Reporting di Shen e Andrew Galbraith, report aggiuntivi di Alexander Marrow a Mosca e Allison Lampart a Montreal; montaggio di Sumeet Chatterjee e Lincoln Feast.)

leggi di più



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *