Analisi-I frequenti conflitti con il governo indiano non hanno messo in ombra i piani di espansione tecnologica degli Stati Uniti Reuters


© Reuters. Foto del file: in questa illustrazione scattata il 21 gennaio 2021, i loghi di Facebook e Twitter stampati in 3D sono posizionati sulla scheda madre del computer. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione

Autori: Sankalp Phartiyal e Aditya Kalra

New Delhi (Reuters)-Secondo persone che hanno familiarità con la questione, un altro litigio tra il governo indiano e le principali società tecnologiche statunitensi ha esacerbato la delusione delle aziende, che hanno speso miliardi di dollari per costruire hub nei loro mercati in maggiore crescita al punto che il l’azienda sta riconsiderando il suo piano di espansione.

Il governo ha detto sabato Azienda Twitter (NYSE:) non ha espresso il rispetto delle nuove regole progettate per rendere le società di social media più responsabili nei confronti dei requisiti legali, quindi potrebbero perdere le esenzioni di responsabilità per i contenuti pubblicati sulle loro piattaforme.

Twitter si unisce al connazionale Amazon.com Inc (NASDAQ:), Facebook (Nasdaq:) e WhatsApp di proprietà di Facebook stanno discutendo da tempo con il governo del primo ministro Narendra Modi sulla legge sulla privacy dei dati e sulle politiche che alcuni dirigenti chiamano protezionismo, ma le tensioni sono aumentate nelle ultime settimane.

La polizia ha visitato Twitter il mese scorso per informarlo di indagare sull’etichettatura dei tweet politici come “media manipolati” e ha interrogato un funzionario di Amazon a febbraio sul possibile impatto sociale negativo dei drammi politici. Allo stesso tempo, WhatsApp sta sfidando il governo in tribunale per ciò che afferma lo costringerà ad accedere ai dati crittografati.

“La paura c’è”, ha detto un dirigente tecnologico senior in India. “È sia strategicamente che operativamente importante”.

Non vi è alcuna indicazione che il crescente rodaggio abbia causato il ritardo o la cancellazione degli investimenti pianificati.

Tuttavia, tre dirigenti senior che hanno familiarità con le idee delle principali società tecnologiche statunitensi hanno affermato che l’India è un mercato in crescita alternativo e più accessibile per la Cina che sta cambiando e stanno rivedendo i piani a lungo termine per il ruolo dell’India nella loro attività.

Un dirigente che lavora per un’azienda tecnologica statunitense ha dichiarato: “In passato c’erano sempre queste discussioni per rendere l’India un hub, ma ora stiamo considerando questo”.

Anche altri quattro dirigenti e consulenti hanno espresso preoccupazione per l’escalation delle tensioni. Data la delicatezza della questione e la discussione è stata condotta in privato, tutti hanno rifiutato di essere nominati.

Twitter, Amazon, Facebook, WhatsApp e il Ministero dell’elettronica e dell’informatica dell’India non hanno risposto alle richieste di commento.

disinformazione

Il governo sostiene che è necessario stabilire regole per prevenire la diffusione di disinformazione che potrebbe portare alla violenza, ad esempio, nel 2017, voci di rapimenti condivise su app di messaggistica tra cui WhatsApp hanno portato a linciaggi. Ha inoltre affermato che queste regole sono necessarie per ritenere le grandi aziende tecnologiche responsabili di azioni che danneggiano le aziende nazionali o compromettono la privacy dei clienti.

L’India è un enorme mercato per i giganti tecnologici americani. In termini di numero di utenti, è il mercato più grande per Facebook e WhatsApp e i dati di Statista mostrano che Twitter è al terzo posto. Amazon si è impegnata a investire fino a 6,5 ​​miliardi di dollari nel Paese.

Per attirare le piccole imprese attraverso WhatsApp, Facebook ha investito 5,7 miliardi di dollari in Jio Platforms, il ramo media e telecomunicazioni di Reliance Industries Ltd lo scorso anno.

Alphabet (NASDAQ:) Inc. Google ha anche iniettato 4,5 miliardi di dollari in Jio lo scorso anno da un fondo di 10 miliardi di dollari di nuova costituzione dedicato agli investimenti in India entro cinque o sette anni.

attenersi a

Il governo cerca di trovare un equilibrio tra l’attrazione di investimenti high-tech e le politiche nazionaliste volte a proteggere le imprese locali e a portare avanti la loro agenda politica.

Il conflitto di confine con la Cina lo ha spinto a vietare efficacemente le applicazioni di social media cinesi, tra cui TikTok e WeChat.

Il governo ha anche costretto le società straniere a memorizzare i dati a livello locale per contrastare le feroci attività di lobbying.La sua promozione delle reti di carte di pagamento nazionali ha spinto MasterCard (NYSE:) a lamentarsi https://www.reuters.com/article/india-mastercard-idINKCN1N65IS negli Stati Uniti governo sull’uso del nazionalismo.

Nel 2019, Amazon ha rimosso migliaia di prodotti dalla sua piattaforma di e-commerce a causa di problemi di conformità con le nuove normative. Il rivenditore online è stato individualmente soggetto a revisione da parte della Commissione della concorrenza indiana a causa del suo comportamento al dettaglio.

Twitter ha rifiutato pubblicamente di soddisfare alcune delle richieste del governo di eliminare i contenuti e alcuni dirigenti del settore hanno affermato che questa posizione potrebbe esacerbare la sua situazione attuale.

WhatsApp è andata in tribunale invece di conformarsi a una nuova legge che impone alle società di social media di tracciare la fonte di post pericolosi o criminali sulla sua piattaforma. Gli operatori delle applicazioni di messaggistica hanno dichiarato che non sarebbero stati in grado di conformarsi senza violare la crittografia, mentre gli osservatori hanno affermato che le concessioni potrebbero attivare requisiti simili in altri paesi.

Allo stesso tempo, WhatsApp sta affrontando ritardi normativi, limitando il suo servizio di pagamento al 4% dei suoi 500 milioni di clienti. Nonostante ciò, continua a reclutare per un servizio che definisce opportunità “di importanza globale”.

I funzionari del governo hanno poca pazienza con le obiezioni. Il ministro dell’IT Ravi Shankar Prasad ha affermato che qualsiasi democrazia forte deve avere meccanismi di responsabilità, come la capacità di identificare l’autore di un messaggio.

Prasad ha detto in un’intervista a un giornale indù pubblicata domenica: “Quando si privano gli utenti del diritto a forum correttivi efficaci, un’azienda privata negli Stati Uniti dovrebbe evitare di insegnarci la democrazia”.

Tuttavia, il continuo confronto potrebbe mettere a repentaglio le ambizioni di Modi di rendere l’India la destinazione preferita per gli investimenti.

Un altro dirigente che ha familiarità con il pensiero delle aziende americane ha detto: “Questa è una questione di cosa svilupperai in tre-cinque anni”. “Lo stai facendo in India o in un altro paese. È qui che si trova il dialogo”.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *