Analisi-Quando il miracolo economico turco di Erdogan iniziò a fallire Reuters


3/3

© Reuters. Foto del file: l’8 gennaio 2021, le persone fanno acquisti in un mercato del pesce nel quartiere Karakoy di Istanbul, in Turchia. REUTERS/Umit Bektas

2/3

Jonathan Spicer

ISTANBUL (Reuters) – Cinque anni dopo che il presidente Tayyip Erdogan ha posto fine al golpe, le sue possibilità di estendere il suo governo al terzo decennio possono dipendere dalla sua capacità di invertire la prosperità della recessione economica turca https://tmsnrt.rs/ 2TaYZu5, uguaglianza https://tmsnrt.rs/3jhqMnU e l’occupazione https://tmsnrt.rs/3x6AXj1 sono diminuiti dal 2013.

Erdogan affronterà le elezioni nel 2023, centenario della fondazione della Repubblica di Turchia. I sondaggi di opinione mostrano che dopo la crisi valutaria, la forte recessione e la pandemia di coronavirus negli ultimi tre anni, il suo indice di gradimento è diminuito.

Alcuni mostrano che la coalizione di governo è in ritardo rispetto a una coalizione informale di opposizione, anche se l’AKP di Erdogan è ancora molto popolare e ha una forte base tra i conservatori rurali e della classe operaia.

Quest’anno, dopo che la Turchia è uno dei pochi paesi ad evitare la contrazione nel 2020, la crescita economica è rimbalzata. Ma le perdite degli ultimi anni includono il recupero del tasso di inflazione del cibo e di altri beni di prima necessità del 20% o più.

Glass Winslow, il principale canale di obbligazioni sovrane europee di Fitch Ratings, ha dichiarato: “Se si combinano i sondaggi di rating del presidente Erdogan con un contesto economico difficile, è difficile immaginare che i prossimi 12 mesi faranno pensare che le elezioni sembrino favorevoli”. .

La Banca Mondiale stima che lo scorso anno più di 1,5 milioni di turchi vivessero al di sotto della soglia di povertà.

L’indice Gini della distribuzione del reddito e della ricchezza mostra che la disuguaglianza è aumentata dal 2011 e ha accelerato dal 2013, cancellando gli enormi guadagni realizzati durante il primo decennio al potere di Erdogan dal 2006 al 2010.

Per l’indice di disuguaglianza, fare riferimento a: https://tmsnrt.rs/3jhqMnU

PIL pro capite vedere: https://tmsnrt.rs/2TaYZu5

Dieci anni di prosperità

In qualità di leader più longevo della Turchia moderna, la matricola di Erdogan, l’AKP, ha conquistato il potere nel 2002 dopo aver sperimentato la peggiore recessione dagli anni ’70. Il partito ha promesso di spezzare il desiderio di lunga data di una vita migliore. I turchi sono frustrati dalla cattiva gestione e dal declino.

L’allora primo ministro Erdogan ha usato la ripresa economica e il fulcro diplomatico in Occidente per portare prosperità per un decennio.

I tassi di povertà e disoccupazione sono diminuiti drasticamente. Il tasso di inflazione a tre cifre ha raggiunto il 5% dieci anni fa, aumentando l’attrattiva della lira turca per i locali e gli stranieri.

Erdogan sembra irremovibile.

Le cose hanno cominciato a cambiare nel 2013, quando proteste anti-governative senza precedenti hanno attraversato la Turchia e, mentre le grandi economie hanno preso slancio, c’è stato un doloroso deflusso finanziario nei mercati emergenti di tutto il mondo.

Un’analisi di Reuters ha mostrato che quell’anno ha segnato un punto di svolta nel PIL pro capite, nella disoccupazione e in altri indicatori di benessere economico.

Secondo le statistiche ufficiali sulla detenzione di obbligazioni e il monitoraggio dei dati turchi, il 2013 è stato anche l’alto livello di investimenti esteri https://tmsnrt.rs/3dYGn8i. Da allora il valore della lira https://tmsnrt.rs/36ehjWv è crollato, indebolendo il potere d’acquisto globale dei turchi.

Per gli investitori stranieri che detengono azioni, vedere: https://tmsnrt.rs/3dYGn8i

Per la disoccupazione, fare riferimento a: https://tmsnrt.rs/3x6AXj1

Repressione e isolamento

Il governo Erdogan ha soppresso le proteste iniziate nel Gates Park di Istanbul nel 2013, che hanno scioccato molte persone.

Ates Altinordu, assistente professore di sociologia all’Università Sabanci, ha affermato che la repressione “rende l’Akp una nuova istituzione e mostra che la tendenza sta girando contro di loro”.

Il tentato colpo di stato del 15 luglio 2016 ha successivamente innescato un grave stato di emergenza, che secondo gli analisti ha causato lo sviluppo della situazione economica dei turchi più a sud.

“Dal 2013, il Partito per la giustizia e lo sviluppo e Erdogan hanno iniziato a rafforzare ulteriormente l’autoritarismo, che può danneggiare l’economia in vari modi”, ha affermato Altinodu.

“Sono entrati in un modello decisionale più isolato e centralizzato, con una minore libertà dei media. Quindi potresti finire per commettere più errori politici, perdere la capacità di reagire e c’è più spazio per la corruzione”.

Base di voto

Da quando Erdogan è entrato in carica nel 2003, altri indicatori chiave come l’assistenza sanitaria sono rimasti forti dopo sostanziali miglioramenti.

Con il sollievo delle politiche di austerità pianificate dal Fondo Monetario Internazionale (FMI) nel 2001-2, Erdogan accettò le politiche di libero mercato necessarie per aderire all’Unione Europea, l’obiettivo principale dell’AKP in quel momento.

La crisi finanziaria globale del 2008-9 ha colpito la Turchia, ma ha anche attirato un gran numero di investitori in cerca di rendimenti dai mercati emergenti.

Il credito estero a basso costo ha alimentato un boom economico guidato dall’edilizia e ha aiutato l’AKP a vincere otto elezioni nazionali consecutive.

Erdogan ha scritto in un rapporto del Washington Institute che Erdogan ha avuto “un gruppo di sostenitori adoranti e leali (perché) per la maggior parte del 20 ° secolo, gli standard di vita dei cittadini erano significativamente più alti di quelli di Kemer. Cristiani”.

Ha sottolineato che prima che Erdogan salisse al potere, il tasso di mortalità infantile della Turchia era paragonabile a quello della Siria prima della guerra, e ora è simile alla Spagna.

Pressione economica e politica

Ma nel 2013, quando la Fed ha suggerito che potrebbe iniziare a rimuovere le misure di stimolo, altre misure di benessere hanno cominciato a stridere, risucchiando così denaro dai mercati emergenti.

Successivamente, quando Erdogan si è rivolto a un alleato nazionalista, le tensioni politiche si sono intensificate e in seguito ha vinto un referendum sull’adozione di un sistema presidenziale per concentrare il potere nel suo palazzo in un referendum.

Alcuni importanti funzionari economici hanno lasciato l’AKP per opporsi alla presa del potere. Gli analisti hanno affermato che la sua politica ha successivamente iniziato a incrinarsi, anche se la lira è caduta in crisi nel 2018, la banca centrale era ancora sotto pressione per abbassare i tassi di interesse.

Dal 2013, il tasso di cambio della valuta rispetto al dollaro USA è diminuito del 75% ed è diminuito di oltre la metà negli ultimi tre anni. Molti turchi ora scelgono di immagazzinare la loro ricchezza in valute estere.

“In politica, dal 2013, le persone sentono che la Turchia e l’Occidente si sono alienati”, ha affermato Roger Kelly, capo economista regionale presso la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo.

“Sì, abbiamo visto un peggioramento dal 2013, ma dobbiamo vederlo nel contesto dei passi positivi che si sono verificati prima”.

Per la svalutazione della valuta, fare riferimento a: https://tmsnrt.rs/36ehjWv





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *