Anche se l’economia si riprenderà, la Banca centrale europea manterrà aperti i fondi Reuters


© Reuters. Foto del file: 23 gennaio 2020, il logo della Banca centrale europea (BCE) a Francoforte, in Germania. REUTERS/Ralph Orlowski

Autori: Balazs Koranyi e Francesco Canepa

FRANCOFORTE (Reuters)-La Banca centrale europea manterrà quasi certamente un generoso flusso di stimoli quando i politici si incontreranno giovedì perché temono che l’aumento dei costi di finanziamento possa soffocare la nascente ripresa.

Dopo essersi appena riprese dalla doppia recessione causata dalla pandemia, le economie della zona euro di 19 paesi si affidano a misure di stimolo senza precedenti da parte della Banca centrale europea per sbarcare il lunario. Anche con l’allentamento delle restrizioni su COVID-19 e l’impennata della crescita, i politici sembrano voler procedere con cautela.

I recenti commenti fatti dal presidente della BCE Christine Lagarde e dal membro del consiglio Fabio Panetta indicano che la discussione di giugno si è effettivamente conclusa anche prima della riunione di giovedì. È improbabile che riduca gli acquisti di obbligazioni, anche se i politici riconoscono che le prospettive di crescita sono migliorate e il ritmo della vaccinazione ha accelerato.

Panetta ha categoricamente rifiutato di ridurre gli acquisti di obbligazioni di emergenza, mentre Lagarde ha affermato che è “troppo presto” per discutere la riduzione del piano di acquisto di emergenza pandemico (PEPP) della banca da 1,85 trilioni di euro.

Sebbene i politici possano ancora scegliere strade diverse, di solito stanno dietro il loro presidente e raramente apportano modifiche alle proposte presentate dal comitato esecutivo di sei membri.

Le deboli prospettive di inflazione a medio termine sono la ragione chiave per mantenere un supporto sufficiente, ma i responsabili politici sono anche preoccupati che i costi di finanziamento stiano aumentando, quindi qualsiasi arretramento da parte della Banca centrale europea potrebbe innescare una volatilità del mercato potenzialmente pericolosa.

“Più a lungo la BCE attende prima di ammettere che le sue ragioni per portare avanti il ​​suo programma di acquisto di emergenza pandemico a pieno regime non sono più forti come lo era a marzo, meno delicata sarà la futura transizione verso la riduzione degli acquisti di asset”, l’economista di Berenberg Holger Schmieding disse.

“Se questo è il caso, i rendimenti obbligazionari potrebbero aumentare ancora più fortemente dopo un periodo di tempo”.

I rendimenti dei titoli di stato dell’Eurozona giovedì erano vicini al livello più basso da aprile. [GVD/EUR]

settembre

Per complicare ulteriormente la situazione, la Banca centrale europea potrebbe aumentare la maggior parte (se non tutte) le previsioni di crescita e inflazione, e potrebbe persino aumentare la sua guida sulla crescita, dichiarando un “equilibrio” di rischio per sostituire il percorso di lunga data dei rischi al ribasso.

Anche i tassi di inflazione sono in aumento, superando l’obiettivo della Banca centrale europea di poco meno del 2% il mese scorso, e sono scesi al di sotto di tale obiettivo per la maggior parte dell’ultimo decennio.

Ma i politici affermano che ci vorrà un altro anno prima che l’economia torni ai livelli pre-pandemia, e l’aumento dell’inflazione è principalmente un’inversione del crollo dei prezzi dell’energia lo scorso anno, piuttosto che l’inizio di una nuova era di pressione sui prezzi.

La potenziale pressione sui prezzi è una delle principali preoccupazioni della Banca centrale europea, ma è ancora debole e la crescita dei salari è debole, il che indica che l’inflazione sarà troppo bassa nei prossimi anni.

Anche la ripresa in Europa è molto indietro rispetto agli Stati Uniti, quindi qualsiasi ritiro del supporto prima della Fed sarà visto come una bandiera rossa.

I dati sull’inflazione statunitense, che dovrebbero essere rilasciati alle 12:30 GMT, mostrano che i prezzi aumenteranno del 4,7% il mese scorso, dal 4,2% di aprile.Una lettura più forte potrebbe riaccendere la speculazione che la Fed ridurrà gli acquisti di obbligazioni.

A causa dell’impennata dei prezzi delle materie prime, i prezzi all’ingrosso in Giappone e in Cina sono entrambi aumentati al tasso più rapido da oltre un decennio.

Anatoli Annenkov, economista della Societe Generale de France (OTC), ha dichiarato: “Dato il nervosismo del mercato nella discussione sul ridimensionamento delle transazioni e la BCE spera di mantenere le distanze dai preparativi di riduzione degli Stati Uniti in estate, la BCE potrebbe emettere un no prima di settembre. È diventato un segnale di acquisto.” :) ha detto.

Tuttavia, gli economisti intervistati da Reuters hanno affermato che, data la forte ripresa economica e la fine degli acquisti di emergenza, è improbabile che i responsabili delle politiche espandano il piano o lo estendano oltre la fine prevista di marzo 2022.

Ciò eserciterà pressioni sui responsabili politici affinché inizino a sviluppare percorsi oltre agli acquisti di obbligazioni di emergenza. Gli economisti dicono che alcuni segnali potrebbero apparire già a settembre.

Poiché le prospettive di inflazione a medio termine rimangono lente, la riduzione degli acquisti nell’ambito del PEPP potrebbe essere accompagnata dall’espansione del programma di acquisto di attività meno flessibile ma aperto della Banca centrale europea e indica che un certo sostegno da parte della Banca centrale europea, anche se non così generoso, continuerà nel futuro.

La Banca centrale europea annuncerà la sua decisione politica alle 1145 GMT e Lagarde terrà una conferenza stampa alle 1230 GMT. Secondo la decisione di giovedì, il tasso di deposito di riferimento della banca rimarrà a meno 0,5%.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *