Andy Haldane della Bank of England mette in guardia dall’autocompiacimento inflazionistico alla separazione


Il capo economista della Banca d’Inghilterra si è dimesso mercoledì e ha criticato la sua banca centrale che fissa i tassi di interesse per aver sottovalutato il crescente rischio di una pericolosa inflazione nel Regno Unito.

in un Discorso In un’intervista con il Government Research Institute, Andy Haldane ha affermato che le persone e le aziende hanno formato una “cultura di dipendenza intorno al denaro a buon mercato” e la minaccia di rapidi aumenti dei prezzi è “in rapida crescita”.

“Se questo rischio diventa realtà, tutti perderanno”, ha detto Haldane. “La banca centrale che ha mancato il compito deve mettere in atto il freno a mano economico. Le imprese e le famiglie devono far fronte a prestiti e costi della vita più elevati e il governo deve affrontare un aumento dei costi per il servizio del debito”.

Capo economista che se ne va Gestire la Royal Society of Arts, contraddice direttamente il pensiero di politica monetaria della Banca d’Inghilterra, che si basa sulla convinzione che nel prossimo futuro L’aumento del prezzo è temporaneo E si allenterà presto.

“Penso che la nostra storia mi abbia insegnato una lezione… è che l’inflazione inizia sempre a livello locale e inizia a cercare [as if it is] Temporaneo, ma spesso. .. È l’estremità sottile di un grosso cuneo”, ha detto. “Le pressioni sui prezzi locali sono diventate pressioni sui prezzi generali e quei picchi di prezzo temporanei si sono evoluti in aumenti di prezzo più permanenti. “

“Questo è un processo evolutivo e abbiamo visto questo processo più e più volte nella storia”, ha aggiunto. “La politica chiave da asporto è quella di soffocare questo processo nella sua infanzia”.

Haldane ha detto che si aspetta che il tasso di inflazione sarà vicino al 4% entro Natale, che è il doppio dell’obiettivo della Banca d’Inghilterra.

Ha usato l’analogia con il calcio inglese per spiegarne il motivo, dicendo che quando la crisi del Covid-19 si è placata, “tre leoni hanno fatto ripartire l’economia”.

Il primo è che con la revoca delle restrizioni del coronavirus e l’apertura dell’economia, questo ha portato a una ripresa economica.Se il governo rimuoverà le restrizioni finali il 19 luglio, la ripresa economica accelererà.

Inoltre, ha affermato Haldane, ci sono risposte fiscali e monetarie molto forti che possono generare più domanda del necessario per riprendersi dalla crisi e “aggiungere un ulteriore impulso significativo a un’economia che si è ripresa rapidamente”.

Ha affermato che il terzo motore di crescita è stato la spesa per i risparmi del settore privato che le persone e le imprese avevano accumulato durante la crisi. “Poiché il carburante finanziario pubblico e privato viene iniettato nei motori macroeconomici che sono già molto caldi, è probabile che il risultato sia un surriscaldamento macroeconomico”.

All’inizio di questo mese, Haldane ha votato contro un voto di maggioranza Banca d’InghilterraIl Comitato di politica monetaria si è riunito per la seconda volta consecutiva e ha sostenuto il limite inferiore del quantitative easing.

Haldane ha ammesso che la sua valutazione dell’inflazione potrebbe essere sbagliata e che le pressioni inflazionistiche potrebbero “scomparire” come si aspettavano altri membri del Comitato per la politica monetaria della Banca d’Inghilterra. Ma prevede che è più probabile che il Comitato per la politica monetaria cambi idea presto e potrebbe dover inasprire la politica per aumentare i tassi di interesse oltre quanto necessario.

Parlando di altri membri del Comitato per la politica monetaria e dei governatori delle banche centrali che affrontano crescenti pressioni inflazionistiche in altre economie, Haldane ha affermato: “Le menti delle persone stanno cambiando a causa di… è perché i dati si stanno muovendo”.

“Considerando quanto velocemente si muove il terreno sotto i nostri piedi, direi di osservare questo spazio con molta attenzione”.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *