Aurora, una startup di auto a guida autonoma, sarà quotata in borsa con una fusione Spac da 11 miliardi di dollari


Aurora, una startup di auto a guida autonoma supportata da Amazon e Uber, ha annunciato un piano per fondersi e diventare pubblico con una società di assegni difettosi, diventando la prima azienda leader del settore a raggiungere una quotazione in borsa e ad essere stabilita. Metti alla prova l’appetito degli investitori per tali società costose.

Aurora ha dichiarato giovedì che si fonderà con uno strumento di acquisizione per scopi speciali istituito dal co-fondatore di LinkedIn Reid Hoffman e dall’imprenditore tecnologico Mark Pincus.

La transazione ha valutato Aurora a 11 miliardi di dollari USA e le ha fornito quasi 2 miliardi di dollari USA in nuovi finanziamenti, che presumibilmente le avrebbero consentito di “lanciare il suo primo prodotto di guida autonoma entro la fine del 2023”.

Questa azienda della Bay Area con 1.600 dipendenti è composta da tre Pioniere della tecnologia di guida senza pilota -Inclusi il CEO Chris Urmson, Sterling Anderson e Drew Bagnell, che hanno guidato il lavoro di guida autonoma di Tesla, da Il team di guida autonoma di Uber, che è stata acquisita da Aurora nel dicembre dello scorso anno.

Aurora è stata fondata nel 2016 quando le startup di taxi robotici stavano esplodendo e competevano con il progetto di auto a guida autonoma di Google. Urmson ha lavorato come ingegnere capo nel progetto fino alla sua partenza nel 2015.

La transazione ha consentito ad Aurora di ottenere $ 850 milioni raccolti da Hoffman e Pincus’ Spac, Reinvent Technology Partners Y e $ 1 miliardo di nuovi investimenti da un consorzio che comprende Baillie Gifford, Fidelity e il Canadian Pension Plan Investment Board.

Aurora ha un valore di 11 miliardi di dollari, che è superiore ai 10 miliardi di dollari quando ha acquisito l’attività di Uber l’anno scorso. Di recente, le società rivali di auto a guida autonoma Cruise e Waymo sono valutate più di 30 miliardi di dollari, quest’ultima si è evoluta dall’auto di Google -progetto di guida Dal dipartimento Alfabeto.

Diverso dal supporto GM crociera con Wimo, Aurora non ha costruito un gran numero di prototipi da testare su strada. Invece, si concentra sui test in un mondo simulato e afferma di “guidare” l’equivalente di 22 milioni di miglia al giorno.

“Abbiamo investito molti soldi in strumenti di simulazione e sviluppo virtuale”, ha detto Urmson al Financial Times. Ha aggiunto che prestare particolare attenzione alla guida virtuale è “un enorme vantaggio in termini di costi”.

Aurora ha anche ridotto la sua prima enfasi sui taxi robotici a favore di Semirimorchio senza conducente. All’inizio di quest’anno, ha firmato una partnership con Volvo Trucks e Paccar (il produttore di autocarri pesanti Peterbilt e Kenworth). La quota di mercato totale di questi gruppi negli Stati Uniti supera il 50%.

Ha anche stabilito partnership con Uber, Toyota e il fornitore di componenti giapponese Denso. Uber, Paka e Volvo stanno contribuendo a questo nuovo finanziamento da 1 miliardo di dollari.

Aurora ha rivelato giovedì che prevede flussi di cassa per 553 milioni di dollari quest’anno e altri 3,7 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni. Una volta completata la transazione Spac, la società avrà 2,5 miliardi di dollari in contanti.

Dopo la notizia della fusione, il prezzo delle azioni di Reinvent Technology Partners Y è aumentato del 2%.

Hoffman e Pincus sono ora i continui esecutori commerciali di Spac.La loro altra compagnia di assegni in bianco ha comprato una startup di taxi volanti Jobby Aviation All’inizio di quest’anno.

Pincus ha affermato che gli investitori nella transazione Aurora hanno accettato di bloccare per quattro anni, più a lungo del solito, mentre gli investitori tipici di Spac hanno accettato solo sei mesi o un anno.

“Aurora sta rapidamente iterando per risolvere un problema molto difficile, concentrandosi sulla commercializzazione effettiva su larga scala piuttosto che promuovere dimostrazioni dal vivo”, ha affermato Pincus. “Dalla riduzione dei costi hardware alla collaborazione con gli OEM, tutto ciò che fanno è focalizzato sul lancio di vere soluzioni su scala commerciale”.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *