Biden abbandona i tentativi di Trump di vietare TikTok e WeChat; ordina un nuovo commento Reuters


© Reuters. In questa illustrazione scattata il 18 settembre 2020, una foto del presidente degli Stati Uniti Donald Trump può essere vista sullo smartphone davanti ai loghi Tik Tok e WeChat visualizzati. REUTERS/Dado Ruvic/Illustrazione

Autori: David Shepardson e Karen Freifeld

Il presidente di Washington (Reuters) Joe Biden ha ritirato mercoledì una serie di ordini esecutivi dell’era Trump che cercavano di vietare nuovi download di WeChat e TikTok e ha ordinato al Dipartimento del Commercio di esaminare queste e altre applicazioni portate da problemi di sicurezza.

L’amministrazione dell’ex presidente Donald Trump ha cercato di impedire ai nuovi utenti di scaricare queste app e ha vietato le app di condivisione di video brevi di proprietà cinese TikTok e WeChat, entrambe affermando che impedirebbero effettivamente a queste app di utilizzare altre transazioni tecnologiche negli Stati Uniti.

Il tribunale ha bloccato quegli ordini che non hanno mai avuto effetto.

Un funzionario della Casa Bianca ha dichiarato che è ancora in corso una revisione separata della sicurezza nazionale di TikTok avviata dagli Stati Uniti alla fine del 2019, ma ha rifiutato di fornire dettagli. Un altro funzionario del governo ha detto ai giornalisti che la Casa Bianca è ancora molto preoccupata per i rischi relativi ai dati degli utenti di TikTok.

L’ordine Biden ordina al Dipartimento del Commercio di monitorare le applicazioni software come TikTok che potrebbero influire sulla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e formulare raccomandazioni entro 120 giorni per proteggere i dati statunitensi acquisiti o accessibili da società controllate da avversari stranieri.

Douyin ha rifiutato di commentare. WeChat non ha commentato immediatamente.

WeChat è stato scaricato almeno 19 milioni di volte dagli utenti americani ed è ampiamente utilizzato come mezzo per servizi, giochi e pagamenti.

Michael Bien, il procuratore capo della WeChat User Alliance, che ha fatto causa per bloccare gli ordini di Trump, ha elogiato l’amministrazione Biden per aver revocato il “falso divieto di WeChat… che comporterebbe una chiusura senza precedenti di una piattaforma importante” per milioni di persone nel La gente degli Stati Uniti fa affidamento sulla comunicazione. “

Il nuovo ordine esecutivo di Biden revoca gli ordini WeChat e TikTok di Trump emessi ad agosto, nonché un altro ordine emesso a gennaio per altre otto applicazioni software di comunicazione e tecnologia finanziaria.

L’ordine di Trump di gennaio ha ordinato ai funzionari di vietare le transazioni con otto app cinesi, tra cui Alipay di Ant Group e Tencent Holdings (OTC:) Ltd’s QQ Wallet e WeChat Pay; finora non è stato emesso alcun divieto.

L’amministrazione Trump ha sostenuto che WeChat e TikTok costituiscono un problema di sicurezza nazionale perché il governo cinese potrebbe raccogliere dati personali sensibili degli utenti americani.

Sia TikTok che WeChat, che hanno più di 100 milioni di utenti negli Stati Uniti, negano di costituire un problema di sicurezza nazionale.

Nel febbraio di quest’anno, Reuters ha riferito che dopo l’annuncio di Trump di agosto, alcuni sponsor aziendali hanno sospeso o posticipato i loro sforzi, dopodiché sono tornati su TikTok. Il marchio di punta Chevrolet di GM (NYSE:) ha iniziato a fare pubblicità su TikTok attraverso i propri canali a febbraio.

L’amministrazione Trump una volta ha fatto appello agli ordini giudiziari per bloccare i divieti di TikTok e WeChat, ma dopo che Biden è entrato in carica a gennaio, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha chiesto la sospensione dell’appello.

Un portavoce del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha rifiutato di commentare. Il rapporto sullo stato del caso di ricorso sarà presentato venerdì.

L’ordine di Biden affermava che la raccolta di dati dagli americani “può consentire agli oppositori stranieri di ottenere queste informazioni”.

L’ordinanza incarica il Dipartimento del Commercio di “valutare continuamente” qualsiasi transazione che “rischi eccessivi che abbiano un impatto catastrofico sulla sicurezza o sulla resilienza delle infrastrutture critiche degli Stati Uniti o sull’economia digitale”.

L’ordine esecutivo di Biden richiede che l’intelligence statunitense e le agenzie di sicurezza interna forniscano al Dipartimento del Commercio una valutazione della vulnerabilità e della minaccia dei dati statunitensi controllati da avversari stranieri entro 60 giorni.

Il senatore repubblicano Josh Hawley ha dichiarato su Twitter che il ritiro dell’ordine di Trump è stato “un grave errore, che mostra l’influenza scioccante della #Cina nell’acquisizione di informazioni personali americane e la crescente influenza aziendale della #Cina. Compiacimento”.

La scorsa settimana, Biden ha firmato un ordine esecutivo che vieta agli Stati Uniti di investire in alcune società cinesi nei settori della tecnologia di difesa e sorveglianza. Questo ordine sostituisce un ordine simile dell’era Trump, che non può resistere alla revisione legale.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *