Boom della “spesa di gruppo” nel 2009

Da un rapporto della Coldiretti/Agri2000, riguardante le abitudini alimentari degli italiani, si evince un boom dei gruppi di acquisto solidali (Gas), che in un solo anno sono aumentati del 30%, l’anno scorso i gruppi censiti erano 460, quest’anno ben 600. A livello regionale la Lombardia risulta la regione con il maggior numero di gruppi, 160, seguita da Toscana, Piemonte e Veneto. Coldiretti ha sottolineato che accanto a queste realtà ufficiali, sono presenti decine di migliaia di iniziative spontanee che nascono nei palazzi, nei posti di lavoro o in altri ambienti di ritrovo collettivo.

[ad]

Le motivazioni che spingono verso questo tipo di aggregazioni sono diverse, tra le quali spiccano il desiderio di garantirsi un volume di acquisto che permetta l’ottimizzazione dei costi e la voglia di prodotti genuini sulle proprie tavole. L’approvvigionamento può avvenire ai mercati generali all’ingrosso oppure in mercati di agricoltori o in aziende agricole.

La Coldiretti ha rilevato inoltre un’importante crescita del “fenomeno del pick your own”, ossia la raccolta diretta in azienda da parte del consumatore. Gli accordi per l’acquisto possono avvenire tramite telefono, internet ed è addirittura possibile acquistare un vero e proprio abbonamento. Il funzionamento del gruppo d’acquisto è molto semplice, i partecipanti stabiliscono una lista di prodotti che vogliono acquistare, e una cifra base da versare uguale per tutti. Successivamente l’ordine viene trasmesso all’azienda.

Il numero di aziende presso le quali è possibile acquistare direttamente è aumentato del 64% nel 2009, ad oggi se ne contano più di 60 mila, e due italiani su tre risultano aver acquistato direttamente almeno una volta dal produttore. Il presidente della Coldiretti, Sergio Marini, ha dichiarato che: “La vendita diretta e’ una opportunità per il Paese con un aumento della concorrenza che va a beneficio delle imprese agricole e dei consumatori che possono così garantirsi acquisti sicuri e di qualità al giusto prezzo”.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *