Bridgepoint è stata messa sotto accusa per aver pagato i registi per “saluti d’oro”


Bridgepoint, una società di private equity appena quotata, è stata presa di mira per aver pagato ad amministratori indipendenti un “saluto d’oro” del valore di 3,25 milioni di sterline. La società di gestione patrimoniale ha avvertito che questi pagamenti erano “molto irregolari” e creavano “inutili conflitti di interesse”.

La questione della remunerazione degli amministratori getta un’ombra sulla società Forte Quotata alla Borsa di Londra.Il prezzo delle sue azioni è aumentato del 29% nell’IPO di mercoledì e gli investitori hanno accettato Galleggiante Le prospettive del settore del private equity.

In un documento rilasciato come parte dell’IPO, la società ha rivelato che Archie Norman, presidente di Marks and Spencer ed ex membro del Parlamento, ha ricevuto una commissione di firma di 1,75 milioni di sterline e investirà in azioni Bridgepoint al netto delle tasse. Viene anche pagato 200.000 sterline all’anno per questo ruolo.

Gli altri tre registi indipendenti – Caroline McCall, Angelis García-Poveda e Tim Skole – hanno ricevuto un saluto d’oro di 500.000 sterline e i loro ruoli guadagnano tra 75.000 e 95.000 sterline all’anno.

Un esperto di corporate governance presso una società di gestione patrimoniale che ha acquisito l’IPO di Bridgepoint ha affermato che la società di fondi prevede di chiedere al consiglio di amministrazione i saluti.

“L’IPO della società ha innescato un boom di investimenti di private equity e la valutazione offre agli investitori un buon punto di ingresso. Pertanto, [I am] Non sorprende che il prezzo sia aumentato improvvisamente il primo giorno della transazione”, ha detto. “Tuttavia, ciò non giustifica gli accordi altamente irregolari per gli amministratori non esecutivi. “

Ha aggiunto che la forte supervisione di amministratori completamente indipendenti è importante per proteggere gli azionisti di minoranza, soprattutto considerando la decisione della società di nominare il suo CEO William Jackson come presidente esecutivo, mentre il flottante limitato è di circa il 27%. l’azienda.

“Le modalità di remunerazione previste per gli amministratori non esecutivi possono creare inutili conflitti di interesse, che possono indebolire l’efficacia del consiglio di amministrazione nell’adempimento dei propri doveri di vigilanza”, ha aggiunto l’esperto di governance.

Un’altra grande società di gestione patrimoniale ha affermato che alcune persone si sono messe in dubbio che questi pagamenti abbiano minato l’indipendenza degli amministratori.

Ha aggiunto che quando le aziende richiedono agli amministratori di utilizzare questi pagamenti per acquistare azioni, è ancora più preoccupante. “Questo è più controverso. Ciò potrebbe compromettere la loro capacità di condurre un’adeguata supervisione”, ha affermato.

Un altro esperto di governance presso una società di fondi britannica ha espresso preoccupazione per la vastità dei pagamenti. Ha riconosciuto il dibattito generale sull’opportunità di pagare di più agli amministratori quando lavorano in un numero inferiore di aziende e ha affermato che Bridgepoint ha pagato una commissione troppo alta.

Neville White, capo della politica di investimento responsabile presso EdenTree Investment Management, una società di gestione patrimoniale britannica che non ha investito in un’IPO, ha affermato che questi pagamenti sono “molto non convenzionali e, a nostro avviso, violano le migliori pratiche”.

Ha aggiunto che il codice di governo societario britannico applicabile alle società quotate “richiede che gli amministratori non esecutivi siano indipendenti quando nominati e qualsiasi forma di incentivi retribuiti ne pregiudicherà l’indipendenza”.

Ha detto: “Penso che sia inaudito addebitare una ‘tassa di firma’ per gli incarichi non esecutivi”.

Paul Lee, direttore della gestione della società di consulenza sugli investimenti Redington, ha affermato che l’entità della spesa “sembra essere generosa”.

Ha aggiunto: “Dubito che siano [the independent directors] Gli azionisti devono essere convinti di essere pienamente in grado di valutare i compensi dei dirigenti e consentire al management di considerare le prestazioni, e ci saranno strade di montagna più ripide da scalare. “

Bridgepoint ha dichiarato: “Sono molto lieto di avere un consiglio di amministrazione di così alta qualità, che ha portato una vasta esperienza in società quotate FTSE e competenze davvero diverse per aiutare Bridgepoint nella fase successiva del suo viaggio”.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *