Bruxelles fa appello contro il fallimento fiscale di 250 milioni di euro di Amazon


L’Unione europea ha dichiarato giovedì in una dichiarazione che Bruxelles ha impugnato la sentenza del tribunale, che ha revocato l’ordine di Amazon di pagare 250 milioni di euro di tasse al Lussemburgo.

Il Tribunale della Seconda Alta Corte dell’Unione europea ha dichiarato nel maggio dello scorso anno che l’analisi della Commissione sul caso del 2017 era “errata sotto diversi aspetti”.

La sentenza ha dichiarato che Bruxelles ha sbagliato a sostenere che le imposte della società sono state ridotte artificialmente a causa di royalties troppo care.

Ma quando ha fatto appello alla corte, la Commissione Europea ha dichiarato che la corte “ha commesso alcuni errori legali nella sentenza”.

Analogamente all’appello nel caso Apple State Assistance, Bruxelles ritiene che la decisione del tribunale generale dovrebbe basarsi sui profitti registrati da Amazon in Lussemburgo, piuttosto che negli Stati Uniti, dove detiene i diritti di proprietà intellettuale.

“Questo perché l’entità lussemburghese di Amazon ha pagato per il diritto di utilizzare questa proprietà intellettuale in Europa, quindi i profitti generati dovrebbero essere tassati qui”, ha affermato una persona che ha familiarità con la questione.

Il ricorso è stato presentato alla Corte di giustizia europea.

Il comitato ha affermato nella sua dichiarazione che garantire che le aziende di tutte le dimensioni “paghino una giusta quota di tasse” è la sua massima priorità. Sebbene l’UE abbia perso la causa sugli aiuti di Stato perché non ha fornito prove sufficienti, la corte ha confermato il principio secondo cui gli Stati membri devono determinare le proprie leggi fiscali in conformità con le norme dell’UE sugli aiuti di Stato.

La Commissione europea ha aggiunto: “Se gli Stati membri forniscono a determinate società multinazionali incentivi fiscali che i loro concorrenti non possono ottenere, ciò danneggerà la concorrenza leale dell’UE e violerà le norme sugli aiuti di Stato”.

Bruxelles ha cercato di rintracciare i casi di aiuti di Stato, ma i risultati sono contrastanti. L’anno scorso ha perso un ordine per Apple di pagare 14,3 miliardi di euro di tasse al governo irlandese, che è il fallimento più umiliante fino ad oggi.

L’appello è che le principali economie del mondo accettino di costringere le multinazionali a pagare per il global Aliquota minima dell’imposta sulle società.

Amazon non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *