Come Basilea 1 colpisce le banche

Dal 1950 al 1981 furono circa sei Fallimento bancario (O fallimento) ogni anno negli Stati Uniti. I fallimenti bancari erano particolarmente evidenti negli anni ’80. Questa era è spesso definita come “Risparmi e crisi dei prestiti.” Le banche di tutto il mondo prestano molto e tutti i paesi debito esterno Crescere a un ritmo insostenibile.

perciò, Fallimento Delle principali banche internazionali sono cresciute a causa della bassa sicurezza. Per prevenire questo rischio, Comitato di Basilea per la vigilanza bancariaÈ composto da banche centrali e agenzie di regolamentazione di 10 paesi e ha tenuto una riunione a Basilea, in Svizzera, nel 1987.

Il comitato ha redatto il primo documento per fissare l'”importo minimo di capitale” internazionale che le banche dovrebbero detenere. Questo minimo è una percentuale del capitale totale della banca, noto anche come coefficiente minimo di adeguatezza del capitale di rischio. Nel 1988, Accordo sul capitale di Basilea I È stato creato. Questo Accordo sul capitale di Basilea II Quello che segue è un’estensione del primo e implementato nel 2007. Basilea III è in via di definizione. In questo articolo, capiremo Basilea I e il suo impatto sul settore bancario.

Punti chiave

  • Basilea I è un insieme di regolamenti bancari internazionali che stabiliscono i requisiti patrimoniali minimi degli istituti finanziari, con l’obiettivo di ridurre al minimo il rischio di credito e promuovere la stabilità finanziaria.
  • Per conformarsi a Basilea I, le banche che operano a livello internazionale devono mantenere un importo minimo (8%) di capitale basato sulla percentuale di attività ponderate per il rischio.
  • Basilea I era considerato troppo semplicistico e ampio, quindi seguirono Basilea II e III, noti collettivamente come Basilea.

Scopo di Basilea I

Nel 1988, Basilea Uno L’accordo sul capitale è stato stabilito. Lo scopo generale è:

  • Rafforzare la stabilità del sistema bancario internazionale.
  • Stabilire un sistema bancario internazionale equo e coerente per ridurre le disuguaglianze nella concorrenza tra le banche internazionali.

Il traguardo fondamentale di Basilea I è definire Capitale bancario Bank E la cosiddetta banca Rapporto di capitaleAl fine di stabilire un coefficiente minimo di adeguatezza patrimoniale basato sul rischio applicabile a tutte le banche e tutti i governi del mondo, è necessaria una definizione generale di capitale. Infatti, prima di questo accordo internazionale, non esisteva una definizione univoca di capitale bancario. Pertanto, il primo passo dell’accordo è definirlo.

Capitale a due livelli

Basilea I definisce il capitale in base a due livelli:

  • Tier 1 (capitale di base): Capitale di classe 1 Compreso l’emissione di azioni (o patrimonio netto) e le riserve dichiarate, come such Riserva per perdite su crediti Mettere da parte per attutire perdite future o regolare le variazioni di reddito.
  • Tier 2 (patrimonio supplementare): Capitale di secondo livello Compreso tutto il resto del capitale, come il reddito da attività di investimento, Debito a lungo termine La scadenza supera i cinque anni e le riserve occulte (ovvero le riserve in eccesso per perdite su prestiti e locazioni). Tuttavia, il debito chirografario a breve termine (o debito chirografario) non è incluso nella definizione di capitale.

rischio di credito è definito come Attività ponderate per il rischioOppure RWA, le attività della banca, sono le attività della banca ponderate rispetto alle sue relative attività rischio di credito Livello. Secondo Basilea I, il capitale totale dovrebbe rappresentare almeno l’8% del rischio di credito (RWA) della banca. Inoltre, l’Accordo di Basilea ha individuato tre tipologie di rischio di credito:

  • Rischio in bilancio (vedi Figura 1)
  • transazione Bilancio Rischi: questi sono Derivati, Vale a dire tassi di interesse, cambi, derivati ​​azionari e materie prime.
  • Rischi fuori bilancio non legati alla negoziazione: incluse garanzie generali, come acquisti a termine di attività o attività di debito relative a transazioni.

Diamo un’occhiata ad alcuni calcoli e calcoli relativi a RWA Requisito di capitaleLa Figura 1 mostra le categorie di rischio di bilancio predefinite, come la vulnerabilità a perdite accidentali, ponderate secondo le quattro categorie di rischio relative.

Figura 1: Classificazione della ponderazione del rischio delle attività in bilancio secondo Basilea

Come mostrato in Figura 2, c’è a Prestito chirografario $ 1.000 a istituzioni non bancarie, che richiedono una ponderazione del rischio del 100%.Pertanto, RWA è calcolato come RWA = 1.000 USD × 100% = 1.000 USDUtilizzando la formula 2, viene dato il requisito patrimoniale minimo dell’8% 8% × RWA = 8% × $ 1.000 = $ 80In altre parole, il capitale totale detenuto dalla società deve essere di $ 80, che è correlato a un prestito non garantito di $ 1.000. I calcoli dei diversi tipi di attività con diverse ponderazioni del rischio sono riportati anche nella tabella 2.

Figura 2: Calcolo delle RWA e dei requisiti patrimoniali per le attività in bilancio

Rischio di mercato Compresi i rischi di mercato generali e i rischi specifici.Il rischio di mercato generale si riferisce a Valore di mercato Perché il mercato è volatile. Il rischio specifico si riferisce alla variazione del valore di un singolo asset dovuta a fattori legati all’emittente dei titoli. Esistono quattro tipi di variabili economiche che generano il rischio di mercato. Sono tassi di interesse, valuta estera, azioni e materie prime.Il rischio di mercato può essere calcolato in due modi diversi: utilizzando un modello standardizzato di Basilea o utilizzando Valore a rischio (VaR) Il modello della banca. Tali modelli interni possono essere utilizzati solo dalle maggiori banche che soddisfano gli standard qualitativi e quantitativi previsti dall’Accordo di Basilea. Inoltre, l’emendamento del 1996 ha anche aumentato la possibilità di un terzo livello di capitale totale, che includeva il debito non garantito a breve termine.dipende Banca centrale.

Le insidie ​​di Basilea I

L’Accordo di Basilea sul capitale I è stato criticato in molti modi. Le principali critiche includono quanto segue:

  • Limitata differenziazione del rischio di credito: Sulla base di un coefficiente patrimoniale minimo dell’8%, esistono quattro ampie ponderazioni del rischio (0%, 20%, 50% e 100%), come mostrato nella Figura 1.
  • Misura statica del rischio di default: L’ipotesi che un coefficiente patrimoniale minimo dell’8% sia sufficiente per proteggere le banche dal fallimento non tiene conto della natura mutevole Rischio di default.
  • Struttura a termine del rischio di credito non confermato: Indipendentemente dalla data di scadenza del bene, il costo del capitale è fissato allo stesso livello Esposizione creditizia.
  • Calcolo semplificato del potenziale futuro Controparte rischio: Gli attuali requisiti patrimoniali ignorano i diversi livelli di rischio e i rischi associati alle diverse valute Macroeconomia rischio. In altre parole, presuppone che tutti i partecipanti abbiano un mercato comune, il che in realtà non è corretto.
  • Mancanza di comprensione dell’impatto della diversificazione del portafoglio: In realtà, la somma dell’esposizione personale al rischio è diversa dalla riduzione del rischio attraverso il rischio cartella diversificazionePertanto, sommare tutti i rischi può fornire giudizi di rischio errati. Un rimedio consiste nel creare un modello interno del rischio di credito, ad esempio un modello simile a quello sviluppato dalle banche per calcolare il rischio di mercato. Questo commento vale anche per tutte le altre debolezze.

Queste critiche elencate hanno portato alla creazione del nuovo accordo di Basilea sul capitale, chiamato Basilea II, che ha aggiunto Rischio operativo E definito un nuovo calcolo del rischio di credito. Il rischio operativo si riferisce al rischio di perdite dovute a errori umani o errori di gestione. L’Accordo sul capitale di Basilea II è stato implementato nel 2007.

Linea di fondo

Basilea I mira a valutare il capitale associato al rischio di credito, ovvero il rischio di perdita se una parte non adempie ai propri obblighi. Ha avviato la tendenza all’aumento della ricerca sui modelli di rischio, ma il suo calcolo e classificazione eccessivamente semplificati ha innescato richieste per la sua revisione, aprendo la strada a Basilea II e ulteriori accordi, come simbolo di un continuo affinamento del rischio e del capitale. Tuttavia, come primo strumento internazionale per valutare l’importanza dei rischi legati al capitale, Basilea I rimarrà una pietra miliare nella storia della finanza e delle banche.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *