Come si evolve il modello retributivo del consulente

Negli ultimi anni, la nuova attività dei consulenti finanziari commissionali è stata Gestione patrimoniale Dipartimento. perché? Perché l’intero settore degli investimenti si è in gran parte rivolto alla consulenza finanziaria a pagamento, perché i clienti vogliono pagare solo per i servizi di cui hanno bisogno.

  • Negli ultimi anni è diminuita la nuova attività dei promotori finanziari commissionali nell’intero settore del wealth management.
  • Le persone pensano che gli interessi dei consulenti finanziari a pagamento siano più in linea con i loro clienti perché non otterranno alcun reddito dalla vendita di prodotti finanziari o titoli specifici.
  • Se gli investitori non hanno esigenze di pianificazione finanziaria complicate e desiderano solo un aiuto nelle scelte di investimento, i consulenti finanziari su commissione sono ancora la scelta giusta.

Tendenze nei consulenti a pagamento

Secondo la società di ricerche Cerulli Associates, nel complesso Commissione di crescita del patrimonio Da solo il 26% del patrimonio totale dei consulenti nel 2018, è aumentato fino al 45% alla fine del 2018.

Inoltre, gli investitori stanno diventando più consapevoli della struttura delle commissioni. Nel 2011, Cerulli ha scoperto che solo il 10% degli investitori conosceva il modello di commissione. Ma nel 2018, il 34% degli investitori ha adottato il modello di compensazione a pagamento.

La tendenza è chiara: pool di clienti Consulenza finanziaria su commissione È in declino e se i consulenti vogliono rimanere competitivi in ​​questo settore normativo in rapida evoluzione, devono riconsiderare i loro servizi.

Detto questo, le domande che sia i consulenti che i clienti devono porsi: Nel campo della gestione patrimoniale, ci sono suggerimenti basati su commissioni?

Il ruolo dei promotori finanziari commissionali

I consulenti finanziari su commissione se ne occupano rigorosamente Strategia di investimento.

Operano in modo simile agli agenti di cambio e acquistano e vendono attivamente titoli per i loro clienti. Questi consulenti addebitano commissioni non ai loro clienti, ma alla società da cui acquistano i titoli.

a causa di Crisi finanziaria del 2008, Il settore della consulenza finanziaria è sempre più scettico nei confronti dei consulenti su commissione perché le persone pensano che i loro servizi siano limitati alle strategie di investimento. Molti consumatori ora sospettano che i consulenti finanziari basati su commissioni possano dare la priorità ai loro profitti piuttosto che ai migliori interessi dei loro clienti.

Il ruolo dei consulenti tariffari

La struttura reddituale dei promotori finanziari onorari è completamente opposta. Questi consulenti finanziari sono pagati dai loro clienti per i servizi che forniscono.Il vantaggio di ciò è che i consulenti a pagamento forniscono vari servizi oltre l’ambito dell’investimento, come tassazione, successione e Piano di pensionamento.

Si ritiene che i consulenti finanziari a pagamento tengano sempre a cuore gli interessi dei loro clienti perché non otterranno alcun reddito dalla vendita di prodotti finanziari o titoli specifici. Pagano solo (dai loro clienti) per i servizi forniti.

Quale tipo di consulente è il migliore?

La risposta dipende dalle esigenze del cliente.

Se gli investitori non hanno esigenze di pianificazione finanziaria complicate e desiderano solo un aiuto nelle scelte di investimento, un consulente finanziario su commissione potrebbe essere la scelta giusta.

Poiché il consulente è pagato dalla società di titoli, non sosterrà spese vive per l’investitore. I clienti che sono ancora titubanti possono esaminare le opzioni fornite per verificare se l’investimento proposto si adatta meglio alle loro esigenze.

Sebbene i consulenti a pagamento paghino per il servizio dal cliente, non dai prodotti finanziari venduti, ricevono comunque il pagamento in una forma o nell’altra.

Sì, i clienti pagano solo per i servizi forniti, ma se il consulente non consiglia nuovi servizi, non verranno pagati. L’altra faccia della medaglia è che i consumatori non dovrebbero aspettarsi di ricevere servizi professionali senza pagare per i servizi forniti. (Per la lettura correlata, vedere: Dovresti scegliere un consulente finanziario a pagamento?)



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *