Con la riapertura dell’economia britannica, le prospettive per i lavoratori a basso salario sono migliorate


La Resolution Foundation ha affermato in un rapporto pubblicato lunedì che con la riapertura dell’economia britannica, le prospettive per i lavoratori a basso salario stanno migliorando, ma aumentare il salario minimo non è sufficiente per garantire il loro tenore di vita.

Questo think tank ha monitorato la prevalenza dei salari bassi nel Regno Unito per oltre un decennio e ha affermato che nel 2020 la percentuale di dipendenti che guadagnano meno di due terzi della media oraria è scesa dal 21% nel 2020 al 14%. Nel 2015 il governo ha accelerato il ritmo di crescita annuale.

Tuttavia, l’apparente miglioramento dello scorso anno potrebbe essere in parte dovuto al fatto che la disoccupazione si è concentrata sui lavoratori a basso salario dall’inizio della pandemia. Il think tank ha affermato che rispetto alle persone con stipendi più alti, è più probabile che perdano il lavoro, prendano vacanze o riducano l’orario di lavoro e il reddito, e questo sarà ancora il caso nel marzo 2021.

Adesso però sono anche loro il gruppo da essere Ritorno al lavoro più veloceI dati amministrativi mostrano che da gennaio a fine aprile il numero di posti di lavoro supportati dal piano ferie del governo è diminuito di 1,8 milioni, a 3,4 milioni a fine mese.

Sebbene il Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak abbia esteso il suo piano di ferie fino alla fine di settembre, Quasi un milione di lavoratori si congeda Solo ad aprile, più della metà dei dipendenti ha lavorato nel settore alberghiero, del tempo libero o del commercio al dettaglio, i tre principali settori in cui prevalgono i salari bassi. I dati dei sondaggi mostrano che la maggior parte delle persone che hanno lasciato le vacanze è tornata al lavoro originale o ha trovato un nuovo lavoro: solo una percentuale relativamente piccola di loro era disoccupata.

“I lavoratori a basso salario sono sempre stati al centro della crisi economica… Fortunatamente, anche i lavoratori a basso salario sembrano essere al centro della ripresa”, ha affermato Nye Cominetti, economista senior presso la Resolution Foundation.

Ma ha avvertito che i politici non possono fare affidamento sulla rapida ripresa economica e sul continuo aumento dei salari minimi per sostenere le condizioni salariali e di lavoro.

Anche se il numero delle reclute è in ripresa, Rapporto sulla carenza di personale La Resolution Foundation ha affermato che in alcuni settori, con la fine del piano ferie, il tasso di disoccupazione potrebbe ancora aumentare nei prossimi mesi. Ciò riguarderà anche coloro che stanno ancora lavorando, perché i dipendenti sono raramente in grado di far valere i propri diritti in un mercato del lavoro debole.

Il rapporto afferma: “I decisori politici devono andare oltre il salario minimo, la sicurezza del lavoro e la regolamentazione del mercato del lavoro, per garantire che il suo recupero vada a vantaggio dei lavoratori a basso salario”.

Il governo si è impegnato a porre fine ai bassi salari entro la metà di questo secolo, cioè a salari inferiori ai due terzi della media oraria. Tuttavia, il think tank ha sottolineato che un salario minimo orario più elevato ha scarso effetto sulla prevalenza di bassi salari settimanali, una misura migliore del tenore di vita. Ciò dimostra che il problema sta diventando sempre più uno dei problemi dell’orario di lavoro ridotto, della sottoccupazione e dell’insicurezza.

Quando il disegno di legge sull’occupazione a lungo ritardato sarà finalmente proposto, dovrebbe includere nuovi diritti al normale orario di lavoro che riflettano i normali modelli di lavoro dei lavoratori e la compensazione ai dipendenti. Turno dell’ultimo minuto, Ha detto il think tank.

Ha inoltre chiesto sanzioni più severe per il salario minimo pagato e una nuova agenzia di applicazione della legge unica (che consolida le agenzie esistenti) per fornire più risorse per regolamentare i diritti del mercato del lavoro, compresi i salari per le ferie ei diritti di base alle pensioni sul posto di lavoro.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *