Confronta i migliori tassi ipotecari di oggi


Tipo di prestitoacquistarerifinanziare
30 anni fissi3,13%3,31%
FHA 30 anni fissi2,97%3,17%
VA 30 anni fisso3,00%3,29%
Mega 30 anni fissi3,42%3,69%
20 anni fissi2,96%3,22%
15 anni fissi2,37%2,58%
Jumbo 15 anni fissi2,99%3,22%
10 anni fissi2,22%2,49%
10/1 braccio2,96%3,25%
10/6 braccia3,33%4,29%
7/1 braccio3,54%3,83%
BRACCIO Mega 7/12,46%2,76%
7/6 braccia3,14%3,56%
Gigante 7/6 braccia2,63%2,90%
5/1 braccio3,15%3,76%
Braccio 5/1 gigante2,30%2,47%
5/6 braccia3,31%4.23%
Gigante 5/6 braccia2,56%2,84%


Domande frequenti

dopo: Sarah Lee Cain

Qual è il tasso di interesse del mutuo?

Il tasso di interesse ipotecario è l’importo degli interessi ipotecari determinato dal creditore. Questi tassi di interesse possono essere fissi, il che significa che il tasso di interesse è fissato in base al tasso di interesse di riferimento, durante la durata del mutuo del mutuatario o variabile in base alle condizioni del mutuo e ai tassi di interesse correnti. Il tasso di interesse è uno dei fattori chiave per i mutuatari che cercano opzioni di finanziamento dell’alloggio perché influisce sull’importo del rimborso mensile e sull’importo che pagano per l’intera durata del prestito.

Come vengono fissati i tassi di interesse dei mutui?

I tassi di interesse ipotecari sono fissati in base a diversi fattori e il potere economico è uno di questi.Ad esempio, il punto di vista del prestatore Tasso di interesse preferenziale-Il tasso di prestito più basso offerto dalle banche, di solito segue la tendenza stabilita dal tasso sui fondi federali della Federal Reserve. Di solito pochi punti percentuali.

Anche il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni può rivelare le tendenze del mercato. Se i rendimenti obbligazionari aumentano, i tassi di interesse sui mutui tendono a salire e viceversa.Questo Rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni Di solito è il criterio migliore per giudicare i tassi di interesse ipotecari. Questo perché molti mutui verranno rifinanziati o estinti dopo 10 anni, anche se lo standard è un prestito di 30 anni.

I fattori che i mutuatari possono controllare sono il loro punteggio di credito e l’importo dell’acconto. Poiché i prestatori determinano i tassi di interesse in base ai rischi che possono sopportare, i mutuatari con un credito scadente o un acconto inferiore possono ricevere tassi di interesse più elevati. In altre parole, minore è il rischio, minore è il tasso di interesse del mutuatario.

La Federal Reserve decide sui tassi di interesse dei mutui?

Sebbene la Fed non determini i tassi di interesse ipotecari, influenza indirettamente i tassi di interesse. La Fed aiuta a guidare l’economia controllando l’inflazione e incoraggiando la crescita. Ciò significa che la decisione del Federal Open Market Committee di alzare o abbassare i tassi di interesse a breve termine può influenzare i finanziatori ad aumentare o abbassare i loro tassi di interesse.

Cos’è un buon tasso di interesse ipotecario?

Un buon tasso di interesse ipotecario dipenderà dal mutuatario. Il prestatore annuncerà il tasso di interesse più basso offerto, ma il tasso di interesse dipenderà da fattori quali la storia creditizia, il reddito, altri debiti e l’acconto. Ad esempio, per le persone con punteggi di credito bassi, i buoni tassi ipotecari tendono ad essere più alti di quelli con punteggi di credito elevati.

È importante capire cosa influenza le tue tariffe personali e lavorare sodo per ottimizzare la tua situazione finanziaria in modo da poter ottenere le tariffe più competitive in base alla tua situazione finanziaria.

Esistono tassi di interesse diversi per i diversi tipi di mutuo?

I tassi di interesse ipotecari possono variare in base al tipo. Ad esempio, i mutui a tasso fisso sono spesso più alti dei mutui a tasso variabile. Tuttavia, i mutui a tasso variabile tendono ad avere tassi di interesse più bassi per un periodo di tempo predeterminato e quindi fluttuano man mano che le condizioni di mercato attuali si adeguano.

Il tasso di interesse è lo stesso del TAEG?

I tassi di interesse non sono gli stessi di APR. Il tasso di interesse annuo (TAEG) riflette i costi aggiuntivi associati al mutuo, compresi gli interessi. Il tasso di interesse riflette il costo che il proprietario della casa paga per prendere in prestito denaro. Queste commissioni includono commissioni come commissioni di emissione e punti di sconto, motivo per cui l’APR è solitamente superiore ai tassi di interesse.

Come posso beneficiare di un tasso di interesse ipotecario migliore?

L’idoneità a tassi ipotecari migliori può aiutarti a risparmiare decine di migliaia di dollari durante la durata del prestito. Puoi assicurarti di trovare il prezzo più competitivo attraverso i seguenti metodi:

  • Migliora il punteggio di credito: Il punteggio di credito del mutuatario è il fattore principale nella determinazione del tasso di interesse ipotecario. Più alto è il punteggio di credito, più è probabile che il mutuatario riceva un tasso di interesse più basso. È una buona idea controllare il tuo punteggio di credito per scoprire come migliorarlo, pagando in tempo o contestando un errore nel tuo rapporto di credito.
  • Aumenta acconto: La maggior parte degli istituti di credito offre tassi di interesse ipotecari più bassi per le persone con acconti più elevati. Ciò dipenderà dal tipo di mutuo che stai richiedendo, ma a volte, abbassare il tasso di interesse del prestito di almeno il 20% può darti un tasso di interesse più attraente.
  • Riduci il rapporto debito/reddito: Conosciuto anche come DTI, il tuo rapporto debito/reddito esamina il tuo debito mensile totale e lo divide per il tuo reddito totale. In genere, i finanziatori non desiderano un DTI del 43% o superiore, poiché ciò potrebbe indicare che potresti avere difficoltà a soddisfare i tuoi obblighi mensili come mutuatario. Più basso è il tuo DTI, minore è il rischio per i finanziatori, che si rifletterà in tassi di interesse più bassi.

Quanto mutuo posso permettermi?

In generale, i proprietari possono Mutuo conveniente Questo è da due a due volte e mezzo il loro reddito annuo totale. Ad esempio, se hai un reddito annuo di US $ 80.000, puoi permetterti un mutuo da US $ 160.000 a US $ 200.000. Ricorda, questa è una linea guida generale e devi considerare altri fattori quando determini quanto puoi permetterti (come il tuo stile di vita).

In primo luogo, il tuo prestatore determinerà quanto pensa che tu possa permetterti in base al tuo reddito, debiti, attività e passività.Tuttavia, è necessario determinare quanto sei disposto a spendere, le tue spese attuali, la maggior parte degli esperti consiglia Le spese non superano il 28% del reddito totale Per quanto riguarda le spese di alloggio. Il prestatore guarda anche il tuo DTI, il che significa che più alto è il tuo DTI, meno probabilità hai di sostenere un mutuo più grande.

Non dimenticare di includere le spese diverse dai mutui, comprese le eventuali commissioni HOA applicabili, l’assicurazione del proprietario della casa, le tasse sulla proprietà e le spese di manutenzione della casa. In questo caso, potrebbe essere utile utilizzare un calcolatore di mutui per aiutarti a capire come pagare facilmente il tuo mutuo.

Cosa sono i punti mutuo?

Conosciuto anche come Punto di sconto, Si tratta di una commissione di acquisto una tantum o di un interesse anticipato pagato dal mutuatario per abbassare il tasso di interesse ipotecario. Ogni punto di sconto costa l’1% dell’importo del mutuo, che è $ 1.000 per 100.000 USD, e riduce il tasso di interesse dello 0,25% o 0,25. Ad esempio, se il tasso di interesse è del 4%, l’acquisto di un punto ipotecario ridurrà il tasso di interesse al 3,75%.

Di quanto anticipo ho bisogno?

L’importo minimo da pagare dipende dal tipo di mutuo. Molti istituti di credito richiedono almeno dal 5% al ​​20%, mentre altri come i finanziatori sostenuti dal governo richiedono almeno il 3,5%. I prestiti VA sono un’eccezione e non è richiesto alcun acconto.

In generale, più alto è l’acconto, più basso può essere il tasso di interesse. Abbassare almeno il 20% dei proprietari di case sarà in grado di risparmiare di più.

metodo

La suddetta media nazionale è calcolata in base al tasso di interesse più basso fornito da più di 200 principali istituti di credito nel paese, assumendo Rapporto prestito/valore (LTV) 80% dei richiedenti con punteggio di credito FICO nell’intervallo 700-760. Le tariffe risultanti rappresentano ciò che i clienti dovrebbero vedere quando ricevono preventivi effettivi dai prestatori in base alle loro qualifiche, che possono essere diverse dalle tariffe preannunciate nell’annuncio.

Per la nostra migliore mappa dei tassi di interesse statale, viene elencato il tasso di interesse più basso attualmente offerto dai prestatori intervistati in quello stato, assumendo un LTV dell’80% e un punteggio di credito di 700-760.

Questi tassi di interesse ipotecari sono solo di riferimento. Le tariffe possono cambiare giornalmente e sono soggette a modifiche senza preavviso. I prestiti al di sopra di una certa soglia possono avere condizioni di prestito diverse e i prodotti utilizzati nei nostri calcoli potrebbero non essere disponibili in tutti gli stati. Il tasso di interesse del prestito utilizzato non include tasse o premi assicurativi. Si applicano i termini dei singoli finanziatori.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *