Da Milano il progetto “Crea Imprese” per giovani Imprenditori

È risaputo che in Italia la Ricerca è relegata ad un ruolo secondario nello sviluppo economico del paese e che la creazione di nuove imprese risulta invece un qualche cosa di parecchio difficoltoso e rischioso. In un contesto del genere fa piacere sapere che il progetto Milano Crea Impresa, voluto dall’Assessorato Innovazione, Ricerca e Capitale Umano del Comune di Milano, stia cominciando a produrre successi.

[ad]

L’obiettivo di tale progetto è la creazione di una rete di incubatori in grado di supportare nella fase di start-up e sviluppo i giovani imprenditori che vogliono cominciare ad operare soprattutto nel ramo tecnologico. Ad oggi la rete è formata da cinque incubatori, e riguardano diverse aree, tra le quali biotecnologie, energia e moda. Sostanzialmente la rete offre un supporto a 360 gradi, dalla analisi di fattibilità delle idee, alla consulenza gestionale e finanziaria.

I numeri dell’iniziativa sono più che positivi, 70 società start-up aderenti, con fatturato complessivo superiore ai 25 milioni di euro, più di 3.000 addetti e 4.000 mq di uffici. Tra i giovani imprenditori c’è comunque da notare la forte predisposizione a pensare in grande e all’internazionalizzazione, cosa che in qualche li rende distanti dal contesto produttivo italiano, composto soprattutto da piccole medie imprese e da una radicato attaccamento al territorio che non offre spunti per intensi rapporti con l’estero. Intanto il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha confermato l’impegno del comune nel supportare il progetto, riferendo dello stanziamento di sei milioni di euro per le start up high tech.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Nel 2009 i salari hanno battuto l’inflazione

Mar Mar 16 , 2010
Share on Facebook Tweet it Share on Google Pin it Share it Email Salari e inflazione sono due grandezze economiche che gli italiani conoscono bene, e che preferirebbero vedere muoversi in due direzioni opposte, per non vedere eroso il loro potere d’acquisto. Proprio su queste due grandezze ci sono nuove […]