Dalla metropoli a Milton Keynes: la mossa di Santander mostra il fascino della piccola cittadina of


Il baricentro di una delle più grandi banche britanniche si sta spostando a 50 miglia a nord-ovest dal centro di Londra a un ex parcheggio nella città un tempo obsoleta di Milton Keynes.

Quando aprirà nel 2023, il quartier generale di nuova costruzione di Santander del valore di 150 milioni di sterline e che copre un’area di 44.000 metri quadrati sarà il primo posto che i visitatori vedranno quando lasceranno la stazione ferroviaria di Milton Keynes.

Il progetto prevede una pista sul tetto lunga 200 metri, originariamente progettata per fungere da hub per il personale IT e tecnico della banca, ma a marzo la società spagnola ha annunciato che sarebbe diventata la sua sede britannica e avrebbe ridotto la sua attuale base vicino a Euston Stazione spaziale.

Questa trasformazione evidenzia le potenziali opportunità per le città e le città regionali di attrarre più società di servizi finanziari, poiché il gruppo sta rivalutando le sue operazioni nel mondo post-Covid-19 e Più dipendenti Dai priorità a immobili a prezzi accessibili e spazio esterno. Ma poiché i maggiori datori di lavoro del settore sono sotto pressione per ridurre i costi, anche alcune città, in particolare quelle con attività di back-office esistenti, stanno fallendo.

“Come destinazione per gli investimenti interni, [Milton Keynes] È una proposta più completa di quella di Londra”, ha detto Peter Maran, un trapiantatore del nord-ovest dell’Inghilterra e ora a capo del Comitato Milton Keynes. “Ho passato molto tempo a dire alla gente che questo non è un luogo sporco e concreto, è reale. Verde, questo è un bel posto. Queste aziende stanno investendo qui per un motivo. .. Questo non è solo un buon posto per l’ufficio, ma anche un buon posto in cui vivere per i dipendenti. “

Come la più grande “città nuova” concepita negli anni ’60, Milton Keynes è consapevolmente situata all’incirca equidistante tra Londra, Birmingham, Oxford e Cambridge. La posizione strategica ha reso questa piccola città con una popolazione di 265.000 una città popolare. Polo logistico, Ma Tony Prestic, vice amministratore delegato di Santander UK, ha affermato che questa è anche la chiave per attirare servizi finanziari.

Prestedge ha dichiarato: “Questa scelta non è determinata principalmente dal costo. Riguarda principalmente l’acquisizione di talenti e l’ambiente di lavoro. “Ha descritto l’area tra Cambridge e Oxford come l’ambiente “più dinamico” per i talenti digitali nel paese e ha affermato L’azienda beneficerà di collegamenti veloci con i vecchi siti di Londra, Leicester e Bradford.

Da quando ha rilevato Alliance & Leicester nel 2008, Santander Bank ha mantenuto un ufficio a Milton Keynes.Altre società di servizi finanziari con grandi attività includono Grant Thornton, KPMG e PricewaterhouseCoopers, che attrae anche start-up come Banca ElektraQuando si trasferirà in un ufficio più grande a settembre, collocherà circa il 60% dei suoi dipendenti nella città.

Diverse aziende hanno fornito finanziamenti per MK:U, un’università sviluppata dalla Cranfield University che si concentra sulla coltivazione di più laureati tecnici.

Milton Keynes Center

La posizione strategica di Milton Keynes ha reso questa città con una popolazione di 265.000 abitanti un popolare centro logistico © Charlie Bibby/FT

Rappresentazione artistica degli interni della sede di Santander

Rappresentazione artistica dell’interno dell’edificio completato, che coprirà 44.000 metri quadrati © Sisk/Santander

Un’università aiuterà a risolvere quello che, secondo Malan, è l’ostacolo all’attrazione di più imprese in città: la mancanza di attrattiva per i giovani lavoratori e l’offerta di un’istruzione di qualità per la gente del posto piuttosto che affidarsi a persone di mezza età.

“C’è ancora una preoccupazione per le città a due velocità: se sei nato e cresciuto a Milton Keynes, la tua base di competenze è spesso inferiore alle persone che abbiamo importato… Le persone tendono ad avere 35 anni, in procinto di iniziare una famiglia, e dirigenti di medio livello e superiori. Arrivato in quel momento.”

Rispetto alle città più a nord (se non a Londra), un’altra sfida è l’accessibilità. Secondo i dati di Rightmove, negli ultimi 12 mesi il prezzo medio di una casa unifamiliare a Milton Keynes è stato di 464.000 sterline. “Per il sud-est, è ancora relativamente abbordabile, ma non è economico”, ha aggiunto Malan.

Milton Keynes non è il solo ad attirare banche nelle piccole città.Tim Coates, co-fondatore Banca di Oxbury, Ha detto che questa azienda di due anni e mezzo ha scelto Chester nel nord-ovest dell’Inghilterra come sede centrale perché “ha un pool di talenti adeguato e c’è ancora molto da dire sulla nostra posizione come azienda. Un nuova banca che fornisce servizi ai settori economici urbani ed extraurbani”.

Ci vogliono meno di 10 minuti per raggiungere a piedi la base dell’ex fabbrica di vapore a Oxbury, ma il destino di un altro edificio più grande evidenzia una pressione controbilanciata. Lloyds Banking Group ha fuso la sua attività di Chester con l’attività locale di carte di credito MBNA acquisita nel 2017 e ha venduto un ufficio che un tempo ospitava circa 1.100 dipendenti.

Anche prima della pandemia, la redditività delle banche era sotto pressione e tutte le più grandi banche del Regno Unito hanno dichiarato che avrebbero rivisto le loro impronte immobiliari per ridurre i costi. L’obiettivo di Lloyd è di ridurlo del 20% entro la fine del 2023.

Quando Santander ha annunciato che Milton Keynes sarebbe diventata la sua nuova sede, ha anche rivelato che avrebbe chiuso gli uffici a Newcastle, Manchester e Bootle e ridotto le operazioni a Leicester e Teesside.

Prestedge ha affermato che prima della pandemia, circa il 40% della capacità della scrivania di Santander non veniva utilizzata e ha affermato che la “razionalizzazione” era una risposta a un sondaggio tra i dipendenti che mostrava che la maggior parte delle persone non voleva tornare in ufficio cinque giorni alla settimana.

Tuttavia, ha sottolineato: “Investiremo ancora in queste città, ma creeremo luoghi più adatti alle pratiche di lavoro di oggi”.

Henri Murison, capo del gruppo di lobby della Northern Powerhouse Partnership, ha affermato che le banche “hanno la responsabilità di garantire che lascino un posto in modo responsabile”, specialmente nelle aree meno ricche. “Lasciare un posto come Bootle e chiudere la porta di un grande ufficio è un grosso problema… Come possono assicurarsi di non lasciare un’eredità negativa?”

Tuttavia, ha aggiunto che in termini di impatto delle società finanziarie sulle aree al di fuori di Londra, “i trasferimenti e il trasferimento degli uffici sono solo una parte della storia”.

“Riguarda il loro grado di interesse per l’economia regionale… fino a che punto sono interessati [small businesses] Non solo prestiti vaniglia puri. Sono più importanti per l’economia che essere un datore di lavoro diretto, quindi non batterò qualcuno per il numero di mattoni che hanno. “



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *