Disoccupazione giovanile, negli ultimi tre anni cresce del 7.8%

Continua a tenere banco in Italia il problema della disoccupazione, in particolare quello della disoccupazione giovanile, ossia dei giovani con una età compresa fra i 15 ed i 24 anni. L’Istat, Istituto nazionale di Statistica ha elaborato un rapporto che analizza il tasso di disoccupazione giovanile negli ultimi tre anni: a pagare il momento davvero difficile dell’economia italiana, sono proprio i giovani. Infatti i dati Istat evidenziano un aumento del tasso di disoccupazione giovanile pari al 7.8% negli ultimi tre anni, ossia tra il 2008 ed il 2011. In sostanza siamo passati da un tasso di disoccupazione giovanile pari al 21.3% del 2008, a quello del 2011, che si attesta al 29.1%. La crisi del mercato del lavoro ha favorito l’aumento del lavoro part time: il lavoro part time involotnario è cresciuto del 19.2%, mentre scende del -5.8% la quota dei lavoratori aticipi che ottiene un lavoro standard (dal 29,2% al 23,4%). Ma la crisi lavorativa italiana colpisce tutte le varie tipologie di lavoratore: non sono escluse dunque neanche le donne. L’occupazione maschile è scesa del -2.8%, mentre quella femminile ha avuto un calo più contenuto, pari al -0.7%. A calare è anche il numero dei lavoratori stranieri: dal 2008 ad oggi, i lavoratori stranieri sono diminuiti del -4.8%.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Confindustria, Squinzi: "Non abbiamo mai avuto un periodo così difficile"

Gio Giu 14 , 2012
Share on Facebook Tweet it Share on Google Pin it Share it Email Il nuovo presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, ha ancora una volta confermato pieno appoggio al governo Monti. Squinzi ha voluto tranquillizzare Monti: durante il convegno dei giovani di Confindustria, Squinzi ha spiegato come questo non sia il […]