Disoccupazione, senza lavoro un giovane su tre

Consueto punto dell’Istat sull’occupazione in Italia. L’Istituto Nazionale di Statistica, segnala come ci sia un aumento degli occupati pari allo 0.1%, rispetto al trimestre scorso. Risultato che diventa negativo, se preso in rapporto al dato dello stesso trimestre, il secondo, del 2009: infatti nel secondo trimestre 2010, l’occupazione è scesa dello 0.8% rispetto allo stesso periodo di dodici mesi fa. Dato negativo che influenza anche il tasso di disoccupazione. La disoccupazione sale all’8.5%, con un aumento di 0.1% rispetto al primo trimestre; l’aumento – riferito al secondo trimestre 2009 – sale all’1.0%. Concentriamo l’attenzione proprio sugli italiani in cerca di occupazione. “Nel secondo trimestre 2010 – si legge nel comunicato Istat – la crescita su base annua del numero delle persone in cerca di occupazione continua ad interessare in misura più significativa gli uomini (+184.000 unità), sebbene risulti ampia anche per le donne (+70.000 unità)”. Secondo i dati Istat, l’incremento della disoccupazione è più netto al Nord fra gli ex occupati, mentre nel Centro e al Sud, l’aumento è corposo per la categoria delle persone in cerca del primo impiego ed ex inattive con precedente esperienza. Per quello che riguarda i giovani italiani, la situazione non è delle migliori: un giovane su tre è disoccupato. “Il tasso di disoccupazione dei giovani di 15-24 anni raggiunge il 27,9 per cento, con un massimo del 40,3 per cento per le donne del Mezzogiorno”.

Pietro Gugliotta

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *