Dopo che i negoziati dell’OPEC+ si sono conclusi senza un accordo di fornitura, i prezzi del petrolio sono saliti a oltre 76 dollari USA


© Reuters.Dopo che i negoziati OPEC+ si sono conclusi senza un accordo di fornitura, i prezzi del petrolio sono saliti a oltre 76 dollari USA

(Bloomberg)-Dopo che l’OPEC+ ha concluso diversi giorni di negoziati e non è riuscita a raggiungere un accordo per riprendere ulteriori arresti della produzione il mese prossimo, i prezzi del petrolio sono rimbalzati a più di 76 dollari al barile.Con la ripresa della domanda, il mercato ha perso il petrolio vitale di cui aveva bisogno.

Poiché la festività statunitense non si è conclusa lunedì, i futures di New York sono aumentati dell’1,5% rispetto al prezzo di chiusura di venerdì. I disaccordi su come misurare i tagli alla produzione hanno ribaltato un accordo provvisorio per aumentare la produzione e si sono trasformati in una lite pubblica tra l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. Non c’era accordo sulla data della prossima riunione dell’OPEC+.

Vedi anche: OPEC+ è in crisi, lo spettro di lotte intestine distruttive è di nuovo appena visibile

A causa del forte rimbalzo dei principali consumatori di energia come gli Stati Uniti e la Cina, il mercato globale si è notevolmente ristretto, il che ha determinato un aumento della domanda di carburante e ha esaurito le scorte accumulate durante la pandemia di Covid-19. L’Agenzia internazionale per l’energia il mese scorso ha esortato l’OPEC+ a mantenere l’equilibrio del mercato mentre la domanda globale accelerava per avvicinarsi ai livelli pre-virus.

Sebbene la situazione sia mutevole, l’OPEC+ potrebbe riavviare i negoziati, ma il crollo ha danneggiato l’immagine dell’organizzazione come amministratore responsabile del mercato petrolifero. Ha anche scatenato lo spettro di una distruttiva guerra interna dei prezzi simile a quella dell’anno scorso.

Il mercato è già saldamente in una struttura rialzista. Lunedì, lo spread spot era di 99 centesimi, il che significa che il prezzo recente è più costoso del prezzo successivo. In confronto, all’inizio della scorsa settimana era di 54 centesimi.

L’OPEC+ ha ripristinato parte dell’offerta che era stata interrotta durante la pandemia, aumentando di circa 2 milioni di barili al giorno da maggio a luglio. L’alleanza sta per raggiungere un accordo per aumentare la produzione di altri 400.000 barili al giorno da agosto e prolungare l’accordo fino a dopo aprile 2022. Tuttavia, gli Emirati Arabi Uniti hanno dichiarato che accetteranno la proposta solo se otterranno le stesse condizioni di calcolo della quota della quota di cui sopra. sauditi.

©2020 Bloomberg

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *