“È come se qualcuno ti lanciasse fuoco in faccia”: le ondate di calore attraversano il Pacifico nord-occidentale e il Canada


A febbraio, Caleb Coder ha contribuito a creare un rifugio di emergenza a Portland, negli Stati Uniti, con l’obiettivo di fornire un rifugio durante le forti tempeste invernali.

Cinque mesi dopo, lo stesso edificio del Sunrise Center è stato utilizzato per l’esatto motivo opposto: come rifugio sicuro da un’ondata di caldo devastante e da record, questa settimana ha paralizzato non solo l’Oregon ma anche la maggior parte del Pacifico nord-occidentale e il Canada.

“Le persone sono davvero salite al centro dell’alba perché faceva troppo caldo. Hanno vomitato, bruciato e sono diventate disidratate”, ha detto Coder, le cui iniziative di coltivazione sostengono i gruppi vulnerabili della città.

“Centinaia di persone sono venute perché abbiamo distributori d’acqua, spruzzatori e carrelli doccia.” La temperatura ha raggiunto i 47 gradi Celsius (116,6 gradi Fahrenheit). “Se non c’è l’alba…”, cadde. “Questo salva la vita”.

In una tipica regione temperata, ondate di calore senza precedenti hanno causato centinaia di vittime nella Columbia Britannica e dozzine di vite in Oregon e nel vicino Stato di Washington. Si tratta di un numero crescente di eventi meteorologici estremi in tutto il mondo. Gli ultimi insieme.

Australia, California e Siberia hanno recentemente sperimentato incendi mortali causati dal caldo estremo. Nella Death Valley, in California, il mese scorso ha raggiunto uno spaventoso 53,2 ° C (127,7 ° F), stabilendo un record a giugno.

Tracy Wallace è stata avvistata da un volontario e portata al Sunrise Center di Portland, in Oregon © Alisha Jucevic/The Washington Post/Getty

L’aumento della frequenza di tali eventi meteorologici solleva seri interrogativi, tra cui se gli esseri umani sono preparati per le conseguenze del riscaldamento globale e se la società può effettivamente riadattarsi a un pianeta più caldo.

Gli Stati Uniti, in particolare, hanno subito una brutale combinazione di ondate di calore, siccità e incendi negli ultimi anni, che ha esercitato un’enorme pressione sulle sue infrastrutture e ha attirato la promessa di azione del presidente Joe Biden.

In Canada, la Columbia Britannica ha registrato temperature record: martedì la temperatura nella città di Leida ha raggiunto un massimo di 49,6 gradi Celsius (121,2 gradi Fahrenheit), il giorno prima che i violenti incendi distruggano la città e i residenti siano evacuati.

Un incendio brucia nelle montagne a nord di Litton, nella Columbia Britannica
Incendio che brucia nelle montagne a nord di Lytton © Darryl Dyck/The Canadian Press/AP

La dottoressa Jennifer Wiens, capo della sanità dell’area delle tre contee dell’Oregon, ha dichiarato: “C’è consenso sul fatto che questa sia una sorta di nuova normalità”. disastro della neve” a febbraio e il grave inquinamento dell’anno scorso. Incendi nell’aria della città.

“Considerando l’intensità, la frequenza e il senso di urgenza che abbiamo affrontato ogni pochi mesi nell’ultimo anno, come costruiremo la nostra struttura nella nostra risposta?”

Le alte temperature negli Stati Uniti e in Canada questa settimana sono state causate da una zona di alta pressione chiamata “cupola termica”. Queste condizioni si verificano quando i getti (una cintura d’aria in rapido movimento nell’atmosfera) formano uno schema di grandi onde che bloccano la cupola in posizione.

Gli scienziati stanno studiando se il cambiamento climatico causerà il comportamento anomalo delle rapide. Il riscaldamento globale ha fatto salire la temperatura media della Terra, che ora è di circa 1,2 gradi Celsius più alta rispetto al 1850. Sebbene le ondate di calore non siano una novità, sono diventate più estreme a causa di questa tendenza al riscaldamento più ampia.

Spiega cos'è la grafica

Negli Stati Uniti nordoccidentali, l’impatto di questa settimana è imperdonabile. Secondo i funzionari, l’ondata di caldo ha causato circa 80 vittime in Oregon e almeno 20 vite a Washington, e questi numeri potrebbero aumentare nei prossimi giorni. In Canada, si ritiene che il bilancio delle vittime sia nell’ordine delle centinaia.

Il clima estremo ha esposto le vulnerabilità delle infrastrutture urbane critiche e delle operazioni commerciali locali. Il servizio di tram a Portland è stato sospeso per diversi giorni questa settimana. Il cavo inizia a sciogliersi Al caldo.

A Washington, le strade hanno cominciato a creparsi.Ciarrah Piller, 18 anni, ha detto che il frigorifero della catena di sandwich Subway dove lavorava ha appena smesso di funzionare a causa dell’alta temperatura. “Abbiamo dovuto buttare via tutto e spegnerlo presto, il che è pazzesco”.

Persone presso la stazione di raffreddamento del Portland Oregon Convention Center

L’Oregon Convention Center di Portland viene utilizzato come “stazione di raffreddamento” © Kathryn Elsesser/AFP/Getty

Con l’aumento delle temperature, gran parte della costa occidentale degli Stati Uniti si sta già preparando per un’altra grave stagione di incendi. Il ricercatore climatico della Colorado State University Brad Udal ha affermato che circa la metà della terra bruciata dagli incendi negli Stati Uniti occidentali negli ultimi anni è causata dall’aumento delle temperature causate dai cambiamenti climatici.

L’alta temperatura ha anche esacerbato la “straordinaria siccità” durata 20 anni e ha portato una crisi idrica sempre più grave nella regione. Oltre a causare una maggiore evaporazione dal serbatoio, l’aumento delle temperature asciugherà anche il terreno e aumenterà la quantità di acqua assorbita dalle piante, riducendo così il deflusso.

“Quello che stiamo vedendo negli Stati Uniti occidentali è il riscaldamento e la siccità a lungo termine”, ha detto Udall. Dal 2000, l’aumento delle temperature ha causato circa la metà del declino del flusso del fiume Colorado.

Essendo un’importante fonte d’acqua per residenti e agricoltori in California, Arizona e Nevada, il flusso del fiume è diminuito di un quinto dall’inizio di questo secolo. “Alcuni utenti agricoli non possono avere abbastanza acqua. Questa è una realtà molto crudele”, ha detto Udall.

Le persone usano il ghiaccio secco per raffreddare l'acqua
A causa della carenza di ghiaccio durante l’ondata di caldo senza precedenti, le persone a Portland hanno utilizzato il ghiaccio secco per raffreddare l’acqua © Maranie Staab/Reuters

L’interferenza sempre più comune ha indotto molte città e industrie americane a pensare se e come risponderanno agli inevitabili eventi meteorologici in futuro.

“Come trasformeremo il nostro ambiente costruito per vivere in un mondo più caldo?”, ha affermato Christie Ebi, professore all’Università di Washington, che studia l’impatto del cambiamento climatico sulla salute umana. Ha aggiunto che i sistemi quotidiani da cui dipendiamo devono essere “progettati per funzionare in un ambiente più caldo”.

Ebi ha sottolineato che la maggior parte degli sforzi per affrontare il cambiamento climatico nel Pacifico nord-occidentale si sono concentrati sulla riduzione delle emissioni di gas serra, piuttosto che sull’adattamento al cambiamento climatico: quest’ultimo è ora urgentemente necessario.

Ha aggiunto che questo cambiamento potrebbe significare una maggiore domanda di materiali e metodi da costruzione in grado di resistere a condizioni estreme, così come l’aria condizionata: fino ad ora, questo è stato un lusso inutile nel suo angolo degli Stati Uniti.

Tuttavia, i condizionatori d’aria sono utenti ad alta intensità energetica che contribuiscono al riscaldamento globale. A Portland questa settimana, un’unità del genere è impossibile da acquistare.

“Non si trovano condizionatori nel negozio, sono tutti venduti”, ha detto il tassista Shamsura Sharafi, che ha continuato a lavorare durante l’ondata di caldo perché la sua macchina, a differenza della sua casa, aveva l’aria condizionata.

Per paura di un’altra ondata di caldo, ha descritto le condizioni a cui gli esseri umani potrebbero dover abituarsi: “È come se qualcuno ti lanciasse fuoco in faccia”.

Rapporto aggiuntivo di Leslie Hook a Londra

Segui @ftclimate su Instagram

Capitale del clima

Dove il cambiamento climatico incontra affari, mercati e politica. Esplora il rapporto del “Financial Times” del Regno Unito qui.

Sei curioso di conoscere l’impegno di sostenibilità ambientale del Financial Times? Scopri di più sui nostri obiettivi basati sulla scienza qui





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *