È morto all’età di 88 anni l’ex segretario alla Difesa americano Donald Drumsfield


Donald Drumsfield, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti per due mandati e la mente dell’invasione americana dell’Iraq nel 2003, la sua famiglia ha detto mercoledì che era morto all’età di 88 anni.

Sebbene sia stato membro del Congresso e segretario di gabinetto in varie amministrazioni presidenziali per decenni, la sua eredità è stata influenzata dalla decisione del presidente George W. Bush di invadere l’Iraq dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre.

Rumsfeld sostenne l’attacco all’Iraq di Saddam Hussein ancor prima che rientrasse nel governo come Segretario alla Difesa di Bush nel 2001, e divenne il principale sostenitore delle incursioni interne al governo. Quando la rapida vittoria militare di Saddam si trasformò in una feroce contro-insurrezione, subì molte critiche e Rumsfeld non pianificò adeguatamente.

La famiglia ha dichiarato: “Siamo profondamente rattristati di condividere la notizia della morte del politico americano, marito fedele, padre, nonno e bisnonno Donald Rumsfeld”.

“La storia potrebbe ricordarlo per i suoi straordinari risultati in 6 anni di servizio pubblico, ma per coloro che lo conoscono meglio e cambieranno la loro vita per sempre, ricorderemo la sua determinazione a sua moglie Joyce, alla famiglia e agli amici. L’amore di Yi e l’integrità che porta in una vita dedicata al paese”, ha aggiunto la famiglia.

Veterano della Marina degli Stati Uniti e laureato alla Princeton University, Rumsfeld Negli anni ’60, è stato membro repubblicano del Congresso per tre mandati in Illinois, poi si è dimesso dal Congresso ed è entrato alla Casa Bianca di Richard Nixon, dove è stato direttore dell’Office of Economic Opportunity e consigliere presidenziale. Nixon in seguito nominò Rumsfeld ambasciatore degli Stati Uniti presso la NATO a Bruxelles.

Dopo che Nixon si dimise a causa dello scandalo Watergate, Rumsfeld tornò a Washington e prestò servizio come capo di gabinetto della Casa Bianca per il successore di Nixon, Gerald Ford. Il suo vice in quella posizione è Dick Cheney, e formerà un’alleanza permanente con i vecchi repubblicani. Nel 1975, Ford nominò Rumsfeld Segretario della Difesa, che mantenne fino al 1977.

Rumsfeld ha poi lavorato nel settore privato per decenni, inclusi otto anni come CEO della società farmaceutica GD Searle & Company e quattro anni come presidente di Gilead Sciences, un’altra società farmaceutica americana.

Rumsfeld tornò a Washington nel 2001, quando Bush lo nominò nuovamente Segretario alla Difesa degli Stati Uniti.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *