È tempo di abbracciare la valuta digitale della banca centrale


Come dovrebbe trattare la banca centrale con la tecnologia digitale? Questo è diventato un problema urgente. Parte del motivo è che sia loro che il governo devono controllare il nuovo Far West di fondi privati. Ma ora devono anche introdurre la propria valuta digitale.

Lo stato non deve rinunciare al suo ruolo nel garantire la sicurezza e la disponibilità della valuta.Dovrebbe essere un’idea Fantasia liberaleInoltre, è urgente agire subito.Secondo a Articoli di Gary Gorton della Yale University e Jeffery Zhang della Federal Reserve, L’innovatore ha ora creato più di 8.000 criptovalute.

Gorton e Zhang hanno diviso queste creazioni in due grandi categorie: “criptovalute fiat” non supportate, come Bitcoin; e “monete stabili”, che sono supportate uno a uno dal corso legale del governo. Entrambi hanno problemi, in modi diversi.

Scrivendo sul Financial Times, Roger Swenson Credere che la criptovaluta fiat non soddisfi alcuno standard di valuta utilizzabile. La Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI) ritiene Nel suo ultimo rapporto annuale, tali “criptovalute sono asset speculativi piuttosto che valute, e in molti casi sono utilizzate per promuovere Riciclaggio di denaro, attacchi ransomware e altri reati finanziariBitcoin in particolare, se si considera la sua impronta energetica dispendiosa, non esiste quasi alcun attributo di interesse pubblico rimborsabile. A mio parere, questa “valuta” dovrebbe essere illegale.

Le stablecoin sono diverse. Come hanno sostenuto Gorton e Zhang, anche in una crisi, il denaro deve essere utilizzato per i pagamenti “senza dubbio”. Storicamente le banche corrono per questo motivo: per questo sono sostenute e vigilate dallo Stato. Le stablecoin hanno lo stesso problema. Potrebbe esserci una “corsa” durante la crisi, simile alla corsa del 2008 sui fondi del mercato monetario.Pertanto, o le stablecoin devono essere supportate da valute della banca centrale uno a uno, oppure i loro emittenti devono Supervisionato dalle banche.

Per gli esercenti il ​​contante è ancora il metodo di pagamento più conveniente in una transazione da 25 euro, con costo marginale (centesimi di euro)

Più importante della nuova “valuta” è l’ingresso delle grandi aziende tecnologiche nel campo dei pagamenti. Questo porta benefici, ma porta anche pericoli. L’attuale sistema di pagamento è costoso: i pagamenti in contanti sono ora persino più economici delle carte di credito o di debito e i pagamenti internazionali sono particolarmente costosi. Inoltre, non tutti possono utilizzare i sistemi di pagamento digitali, anche nei paesi ad alto reddito. In linea di principio, questi nuovi giocatori possono portare grandi miglioramenti. Ma questo sviluppo minaccia anche la frammentazione del sistema di pagamento, l’erosione della privacy e persino lo sfruttamento dei consumatori.

Il compito della banca centrale (e di altre agenzie di regolamentazione) è garantire che la rivoluzione dei pagamenti digitali sia efficace per la società nel suo insieme. Ora è possibile, a mio avviso necessario, aumentare la liquidità con la valuta digitale della banca centrale.

Qui sorge una grande domanda: CBDC dovrebbe essere utilizzato solo per transazioni all’ingrosso o anche per clienti al dettaglio? La risposta dovrebbe essere quest’ultima. I vantaggi di detenere fondi governativi sicuri vanno alle banche private, non al pubblico (se non attraverso il contante), che è sempre stato un problema. proprio adesso, Questo può e dovrebbe cambiareA beneficio del pubblico.

Gli americani non si fidano dei dati dei giganti della tecnologia e i consumatori americani si fidano delle istituzioni per proteggere i loro dati (1 = completamente diffidente, 7 = completamente affidabile)

Tuttavia, ci sono ulteriori scelte da fare. I clienti al dettaglio dovrebbero avere un conto CBDC con una banca centrale, aggirando così del tutto le banche al dettaglio? O dovrebbe esserci una forma ibrida in cui i conti CBDC dei clienti al dettaglio sono tenuti dalla banca centrale ma gestiti da un istituto privato? O il conto CBDC al dettaglio dovrebbe essere detenuto da un’istituzione privata come lo è ora e la banca centrale gestisce solo il regolamento all’ingrosso?

Una scelta correlata riguarda se il CBDC al dettaglio dovrebbe essere basato sull’account o sotto forma di portafoglio digitale. La Banca dei regolamenti internazionali preferisce il primo, il che significa che CBDC non sostituirà direttamente il denaro contante. Altre questioni riguardano i sistemi di identificazione. A questo punto, BIS tende ad essere un sistema basato su carte d’identità digitali piuttosto che cartacee. Altre questioni importanti riguardano la tutela della privacy e il ruolo delle reti private di pagamento, in particolare l’agevolazione dei pagamenti internazionali.

Oggi i depositi bancari sono la principale forma di moneta e il contante in circolazione rappresenta la percentuale dei depositi bancari.

In definitiva, l’obiettivo dovrebbe essere un sistema di pagamento più veloce, più sicuro ed economico che tutti possano utilizzare. È molto importante che il monopolio naturale della moneta e dei prodotti pubblici del sistema di pagamento non si evolva nel monopolio privato dei giganti digitali. La combinazione di scopi pubblici e interessi privati ​​delle banche è già abbastanza grave. Se la stessa cosa accade su una scala più ampia, come Facebook, la situazione sarà peggiore.

Una grande domanda è cosa significa l’emergere di CBDC per le banche private. Ovviamente, in una crisi, i fondi possono fluire nella CBDC da altre attività liquide (compresi i tradizionali depositi bancari). Tuttavia, si può anche sostenere che la possibilità di avere un account CBDC completamente protetto potrebbe essere una buona cosa. L’azzardo morale causato dalle garanzie pubbliche alle banche private può essere posto fine, quindi il sistema finanziario sarà riconfigurato senza di essa.

Le transazioni transfrontaliere sono importanti per la gente comune, le attività al dettaglio transfrontaliere (USD)

La rivoluzione tecnologica ha aperto nuove possibilità. Ma non determinano l’architettura del sistema. Le istituzioni pubbliche devono garantire a tutti un sistema di pagamento sicuro e solido. Devono regolamentare o addirittura eliminare nuovi giocatori pericolosi. Ancora più importante, assicurano che la promessa di pagamenti più rapidi ed economici apportata dalle nuove tecnologie supporti un sistema monetario migliore e allo stesso tempo migliori gli intermediari.

Bisogna fare una scelta. In questo processo, i vecchi giocatori potrebbero scomparire e appariranno nuovi giocatori. Ma il requisito di base è lo stesso del solito, ovvero un sistema affidabile di cui il pubblico possa fidarsi. La banca centrale svolgerà un ruolo di primo piano nel garantire ciò. Possono farlo abbracciando le possibilità delle nuove tecnologie, prevenendo il caos e la libertà per tutti. La BRI fornisce una buona panoramica di questi problemi. Ora è il momento di fare progressi.

martin.wolf@ft.com

Segui Martin Wolf Il mio FT e in Twitter





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *