Eba: “Servono 112.4 miliardi di euro per rispettare Basilea 3”

banconoteL’Autorità europea di controllo del sistema bancario lancia un allarme piuttosto importante: gli istituti bancari europei non sono in linea con le regole del protocollo Basilea 3. L’Eba, la European banking authority, infatti denuncia la mancanza di capitale: alle grande banche Europee servono 112.4 miliardi di euro per rispettare Basilea 3. Un avviso piuttosto chiaro e semplice: se il protocollo di Basilea 3 entrasse in funzione oggi, le 44 principali banche europee non sarebbero abbastanza forti per raggiungere l’obiettivo comune, denominato “common equity tier 1 capital ratio (cet 1)”, fissato nel 7%. Per raggiungere l’obiettivo minimo del 4.5%, fanno sapere dall’Eba, servirebbero 3.7 miliardi di euro. Si tratta di una simulazione proposta dall’Eba: hanno partecipato su base volontaria 157 banche, di queste sono presenti i 44 istituti di credito di importanza sistemica. La simulazione precedente, basata su dati fino al 31 dicembre 2011, c’è stato un netto miglioramento: il capitale mancante è diminuito di 86.2 miliardi di euro. Prendendo in esame l’Italia, la simulazione ha riguardato Intesa Sanpaolo e Unicredit per ciò che riguarda il gruppo delle 44 banche sistemiche: i due istituti italiani sono attualmente in regola con la normativa Basilea 3. Ricordiamo che la normativa Basilea 3 sarebbe dovuta entrare in funzione già dal primo gennaio 2013, ma in assenza di un accordo europeo, la sua attuazione è stata rinviata.

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *