Ericsson acquisisce la società italiana Pride

La società italiana Pride è stata acquisita da Ericsson. L’operazione si chiuderà il prossimo febbraio, ed i termini non sono stati ancora resi noti. La cosa certa è che riguarderà la totalità delle azioni di Pride. Ora manca l’approvazione delle autorità di competenza. Pride con un organico che supera i 1.000 dipendenti ed un fatturato di 130 milioni di euro è una società specializzata nella consulenza e nella system integration Ict. L’obiettivo di Ericsson è quello di consolidare il proprio ruolo di riferimento per gli operatori di telecomunicazioni, i service provider e le imprese italiane. Ericsson Italia conta 4.100 dipendenti, ed un giro d’affari di circa un miliardo di euro, il 5% del fatturato complessivo del gruppo tlc.

[ad]

L’amministratore delegato di Ericsson Italia, Cesare Avenia, commenta positivamente l’acquisizione, che permetterà alla Ericsson una maggiore penetrazione nel mercato italiano, offrendo cosi servizi tecnologicamente avanzati e di elevata qualità, e al tempo stesso sostenere il sistema telecomunicazioni italiano, che ha sicuramente un ruolo chiave nello sviluppo del paese.

Il fondatore e amministratore delegato di Pride Spa, Antonio Giugliano, ha mostrato molto orgoglio nel confermare l’operazione e si è detto molto felice che il talento e le competenze delle risorse della sua società entrino a far parte di un’azienda leader mondiale nei servizi e nella tecnologia per l’industria delle telecomunicazioni.

Giuseppe Raso

Autore dell'articolo: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *