Eurostat: in Italia rapporto debito pubblico/Pil al 130.3%

eurostatL’Italia è nelle primissime posizione di un’altra non lusinghiera classifica. L’Eurostat, l’istituto di statistica relativo all’Unione Europea,  ha infatti comunicato i dati relativi al rapporto fra debito pubblico e prodotto interno lordo (Pil) nel primo trimestre. I risultati per l’Italia non sono molto incoraggianti. Nel primo trimestre del 2013, il rapporto fra debito pubblico e prodotto interno lordo (Pil) ha raggiunto e superato quota 130%, attestandosi al 130.3%. E’ il secondo valore più alto all’interno dell’Unione Europea. Il Paese più indebitato, dunque col rapporto debito pubblico/Pil più alto, è la Grecia, con il 160.5%, seguita dall’Italia (130.3%), dal Portogallo (127.2%) e dall’Irlanda (125.1%). Al contrario, i Paesi più virtuosi, che mostrano un rapporto fra debito e Pil molto basso, sono l’Estonia (10%), Bulgaria (18%) e Lussemburgo (22.4%). Tornando all’Italia, il termini assoluti, è possibile attestare il debito pubblico italiano a 2.034.763 miliardi di euro, cifra resa ancora più alta dalla quota (2.4%) versata all’Unione Europea per l’assistenza ai Paesi in difficoltà. “L’Italia dovrebbe conseguire avanzi primari mediamente pari al 4,6% del Pil in uno scenario base caratterizzato da una crescita annua del Prodotto dello 0,7% e da un tasso di interesse reale al 2,8%” spiega Giuseppe Vegas, aggiungendo che i valori dell’Italia sono fuori dalle nuove regole contenute nel cosiddetto Fiscal Compact.

 

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Google dribbla il fisco italiano: nel 2011 ha pagato solo 1.8 milioni di euro

Mar Lug 23 , 2013
Share on Facebook Tweet it Share on Google Pin it Share it Email Occhi puntati su Google. L’azienda di Mountain View ha un fatturato da 50 miliardi di dollari, con un utile di oltre 10 miliardi di dollari: questo basta per essere sotto la lente d’ingradimento di molti Paesi. Infatti […]