Facebook afferma che il presidente della FTC dovrebbe ritirarsi dal caso antitrust


Facebook ha chiesto al nuovo presidente della Federal Trade Commission, Lina Khan, di ritirarsi dal decidere se intentare una causa antitrust contro il gruppo tecnologico, che segna un’escalation nella lotta tra il capo del regolatore e la più grande azienda della Silicon Valley .

Questa società di social media ha presentato petizione Mercoledì Khan ha chiesto a Khan di presentare una richiesta di ricusazione alla Federal Trade Commission degli Stati Uniti, affermando di aver “costruito in larga misura la sua carriera elencando Facebook come un trasgressore dell’antitrust pubblico” e ha citato i suoi precedenti commenti sulla società.

Questa è la seconda richiesta simile in due settimane Amazon, Il che dimostra che le grandi aziende tecnologiche sono a disagio per la nomina di Khan.

Facebook ha dichiarato nella sua richiesta che Khan “ha già determinato fatti importanti relativi alla responsabilità di Facebook nel contenzioso antitrust pendente del comitato prima di diventare un commissario e ha concluso che Facebook dovrebbe essere responsabile ai sensi della legge antitrust. In conclusione”.

La Federal Trade Commission degli Stati Uniti non ha commentato la petizione.

Khan ha guadagnato fama criticando il potere delle grandi aziende tecnologiche ed è stato il primo a proporre Rapporto del Congresso L’anno scorso ha accusato Google, Facebook, Amazon e Apple di abusare del loro potere di mercato.

Come presidente della FTC, è in prima linea un tentativo Il governo Biden ha risolto il problema della concentrazione del potere corporativo in vari dipartimenti.È responsabile del caso di alto profilo della FTC contro Facebook, che incolpa Usa il suo potere di mercato per sconfiggere i concorrenti più piccoli.

La causa è stata intentata a dicembre per annullare le acquisizioni di Facebook di Instagram e WhatsApp, che il colosso dei social media ha acquisito nel 2012 e nel 2014 rispettivamente per 1 miliardo e 19 miliardi di dollari.

Tuttavia, i giudici federali Essere licenziato Alla fine del mese scorso, la denuncia era “non legalmente insufficiente” dopo che è stato stabilito che Facebook aveva il potere di monopolio sul mercato dei social network.

Nonostante ciò, il giudice ha concesso al comitato un mese per presentare una querela rivista, se lo avesse voluto. Facebook ha affermato nella petizione che la scadenza imminente significa che evitare il problema è “particolarmente urgente”.

La petizione di Facebook ha anche sottolineato che il lavoro di Khan presso l’organizzazione di advocacy Open Markets Institute, i suoi scritti accademici e i post sui social media sono tutte prove che “ha concluso che Facebook è responsabile della violazione delle leggi antitrust”. .

Ad esempio, ha sottolineato che sebbene Khan sia stato direttore legale dell’Open Market Institute nel 2017, l’organizzazione ha condotto una campagna chiamata “Libertà da Facebook” che chiedeva lo scioglimento dell’azienda.

Secondo la petizione, Khan ha anche “elogiato” la Federal Trade Commission per aver sollevato il caso in un tweet l’anno scorso, e da allora il tweet è stato cancellato e ha accusato Facebook di aver adottato una strategia “copia, ottieni e uccidi” per mantenere il suo dominio. posizione.

Gli esperti dell’antitrust affermano che è improbabile che gli sforzi per costringere Khan a eludere abbiano successo perché il governo e il comitato etico dell’agenzia avevano già valutato questi problemi quando è stata nominata.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *