Ferrari, terzo trimestre 2019: chiusura da Record

Ancora un record per la Ferrari, anche se questa volta non in pista. L’Azienda chiude il Terzo Trimestre 2019 con un bilancio da record. Nettamente migliorato il giro d’affari che ha permesso alla compagnia di ritoccare anche gli obiettivi annuali al rialzo.

Dati alla mano, tra luglio e settembre sono state consegnate in tutto il mondo 2474 automobili. Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, si contano 212 consegne in più. Il giro d’affari dell’azienda ha raggiunto i 915 milioni di euro, superando di 77 milioni i risultati del 2018. E ancora, al rialzo anche i guadagni complessivi che raggiungono i 227 milioni di euro complessivi. Con un rialzo di 24 milioni, sempre rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il Cavallino “vince” in Europa

L’Europa si attesta ancora come area geografica più redditizia per il giro d’affari della Ferrari. Il Vecchio Continente, assieme a Medio Oriente e Africa, fanno registrare nel terzo trimestre 2019, 138 consegne in più rispetto al 2018. Cina e America si mantengono invece stabili.

Complessivamente, la vendita è aumentata del 9,5% rispetto al terzo trimestre del 2018 per le Ferrari con motore a 8 cilindri. Per le 12 cilindri, invece, l’aumento è stato dell’8,9 %.

Scendendo ancor più nel dettaglio, in Europa, Medio Oriente e Africa sono state effettuate 1.143 consegne. In America le consegne sono state 702, mentre in Cina 159. Nel resto della regione asiatica, si registrano invece 400 consegne.

92 milioni i ricavi dalla vendita di auto e parti di ricambio e 46 sono invece i milioni incassati da Maserati. Quest’ultima, unica nota stonata (nel terzo trimestre 2018 Maserati aveva prodotto un incasso di 70 milioni).

Cambiano dunque anche gli obiettivi annuali, ritoccati al rialzo. All’inizio del 2019, era stato previsto un utile lordo tra gli 850 e i 900 milioni. La cifra è stata ritoccata a 920 milioni. Per i ricavi, invece, si passa da 3,5 miliardi a 3,7.

Gli ottimi risultati delle vendite si traducono anche in un buon successo in Borsa. Nella giornata di ieri, a fronte della pubblicazione dei dati del terzo trimestre 2019, il Titolo Ferrari ha messo a segno un rialzo del 6.51 per cento.

I volumi sono risultati pari a 1,789,605 pezzi scambiati, un valore superiore sia alla seduta precedente sia alla media settimanale. La partecipazione degli investitori si sta intensificando e ciò sta dando vita ad una fase piuttosto volatile.

il Titolo del Cavallino è schizzato al primo posto nella classifica dei prodotti più performanti, seguito da CNH e FCA. Tra i peggiori, invece, il Titolo della Juventus.

Ferrari è, ad oggi, il miglior titolo automotive europeo del 2019 (+75%). Dal giorno della quotazione a Piazza Affari (4 gennaio 2016) ha messo a segno un rialzo complessivo del 252%, confermando la sua natura anomala di azione più vicina ai luxury brand che non ai competitor del settore auto.

Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

ArcelorMittal: l'addio all'Ilva frutta il 6% in Borsa

Mer Nov 6 , 2019
Share on Facebook Tweet it Share on Google Pin it Share it Email A 48 ore dall’annuncio dell’addio all’Ilva, ArcelorMittal ha fatto registrare un paradossale aumento sui mercati. Le Azioni del gruppo, quotate alla Borsa di Amsterdam, hanno fatto registrare un rialzo del 6,1%. Dunque, mentre il gigante dell’acciaio è […]
ArcelorMittal addio Ilva