General Motors propone un nuovo approccio agli obiettivi di emissioni della California Reuters


2/2

© Reuters. Foto del file: il 16 marzo 2021, il nuovo logo della General Motors può essere visto sulla parte anteriore della sede della General Motors a Detroit, Michigan, USA. REUTERS/Rebecca Cook/File Photo

2/2

Autori: David Shepardson e Joseph White

WASHINGTON (Reuters)-General Motors ha dichiarato mercoledì di sostenere l’accordo generale di riduzione delle emissioni della California con altre importanti case automobilistiche nel 2019, ma ha chiesto all’amministrazione Biden di dare alle case automobilistiche maggiore flessibilità per raggiungere da ora al 2026 l’obiettivo di riduzione delle emissioni di carbonio per l’anno.

General Motors ha delineato la sua posizione in una lettera dell’amministratore delegato Mary Barra all’amministratore dell’Agenzia per la protezione ambientale, Michael Regan, che rappresenta l’impegno della più grande casa automobilistica statunitense per le emissioni dei veicoli.

Fino a novembre, General Motors ha sostenuto gli sforzi dell’amministrazione Trump per impedire alla California di emanare standard di emissione più severi di quelli del governo federale. La lettera di mercoledì è stata inviata dopo una telefonata tra Bara e Reagan martedì.

Le principali case automobilistiche statunitensi affrontano la sfida di proteggere i profitti dei camion e dei SUV alimentati a petrolio, senza entrare in conflitto con i governi impegnati a rafforzare le politiche climatiche o con investimenti che richiedono alle aziende di adottare ulteriori misure per ridurre le emissioni.

Ford Motor (NYSE:) Co, Honda Motor Company, Volkswagen (OTC:) e BMW hanno raggiunto un accordo volontario con la California nel luglio 2019 per ridurre le emissioni dei veicoli entro il 2026, che consentirà loro di soddisfare un unico standard nazionale.

Secondo gli standard della California, General Motors e altre case automobilistiche non saranno conformi per l’attuale anno modello 2021 e 2022. La gamma di veicoli industriali bloccati in produzione è progettata per soddisfare gli obiettivi dell’amministrazione Trump meno impegnativi.

General Motors raccomanda alle case automobilistiche di aumentare gli standard dei gas serra della California entro il 2023 e quindi superare gli obiettivi di emissioni della California proposti per il 2024-2026 per ridurre la stessa quantità di emissioni totali nel periodo 2020-2026.

Barra ha scritto nella sua lettera che la società può “osservare livelli più elevati di standard di prestazione nelle fasi successive del piano aumentando le vendite di veicoli esclusivamente elettrici”.

Barra ha scritto che l’industria formulerà poi regolamenti per il periodo 2027-2035, “dovrà concentrarsi sullo spiegamento di veicoli elettrici completamente a batteria”.

Il presidente Joe Biden ha proposto di stanziare 174 miliardi di dollari per promuovere lo sviluppo di veicoli elettrici e infrastrutture di ricarica, compresi 100 miliardi di dollari di sconti. Un pannello del Senato ha votato il 26 maggio per rimuovere il limite massimo del credito d’imposta per i veicoli elettrici e aumentare il limite massimo del credito d’imposta per i veicoli prodotti dai sindacati nelle fabbriche statunitensi a $ 12.5.000 per veicolo. I repubblicani hanno espresso la loro opposizione ai sussidi per i veicoli elettrici.

Fred Krupp, presidente dell’Environmental Protection Fund, ha elogiato la dichiarazione di GM, affermando che era “un segnale che il progresso verso un futuro più pulito è diventato inarrestabile”.

“Un futuro a zero emissioni”

General Motors ha delineato un piano ambizioso per espandere i suoi prodotti per veicoli elettrici: entro il 2025 investirà 27 miliardi di dollari per lanciare 30 nuovi veicoli elettrici in tutto il mondo e ha espresso la speranza di fermare le vendite di veicoli passeggeri a benzina entro il 2035.

“Riteniamo che il percorso verso la conformità dei veicoli elettrici sia una componente chiave del percorso irreversibile del settore verso un futuro a emissioni zero, e questo può essere raggiunto solo attraverso una flotta leggera senza scarico”, ha scritto Barra.

A breve termine, GM è proprio come i suoi concorrenti Ford Motor Company La maggior parte dei profitti di Stellatis NV e Stellatis NV saranno utilizzati per vendere grandi camioncini alimentati a petrolio e articoli sportivi negli Stati Uniti.

General Motors ha annunciato la scorsa settimana che prevede di aumentare la produzione dei suoi pickup più grandi di 1.000 unità al mese per soddisfare la domanda.

Man mano che i consumatori passano a pickup e SUV di grandi dimensioni, le emissioni medie di gas serra delle nuove auto vendute negli Stati Uniti nel 2019 sono aumentate https://www.reuters.com/business/autos-transportation/us-vehicle-fleet-fuel -Efficienza Declino 2019-249-mpg-epa-2021-01-06.

L’amministrazione Trump ha finalizzato il rollback degli standard di risparmio medio di carburante per le aziende statunitensi nel 2020, richiedendo un aumento annuo dell’1,5% dell’efficienza entro il 2026, che è molto al di sotto dell’aumento annuo del 5% annullato dall’amministrazione Obama.

Il Center for Biodiversity stima che la transazione con la California aumenterà il risparmio di carburante del 3,7% su base annua tra il 2022 e il 2026.

L’amministrazione Biden prevede di annunciare emendamenti al risparmio di carburante e ai requisiti sulle emissioni di gas serra dei veicoli americani entro luglio. Alcuni Democratici vogliono che Biden ripristini le regole più severe dell’era Obama.

L’amministratore dell’EPA Regan ha anche parlato lunedì con i dirigenti senior di Stellattis e Toyota.

“Mentre l’agenzia interviene per affrontare le emissioni di auto e camion leggeri, queste conversazioni sono costruttive”, ha detto mercoledì il portavoce dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti Nick Conger.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *