Gli affari in Cina hanno oscurato l’ombra politica, un gran numero di banche è emerso a Hong Kong Reuters


© Reuters. Foto d’archivio: Il 29 giugno 2020, uno Star Ferry passa attraverso il Victoria Harbour di fronte allo skyline degli edifici di Hong Kong, Cina. REUTERS/Tyrone Siu

Autori: Scott Murdoch, Alan John e Kane Wu

Hong Kong (Reuters)-Alcune banche globali, fondi e altri fornitori di servizi finanziari hanno affermato che stanno intensificando le assunzioni a Hong Kong, il che dimostra che la posizione unica di Hong Kong come gateway finanziario per la Cina supera le restrizioni al controllo più rigoroso di Pechino.

Gruppo Goldman Sachs Società (Borsa di New York:), Citigroup Inc (NYSE:), UBS AG e altre banche hanno reclutato centinaia di dipendenti in città quest’anno, aumentando notevolmente le loro posizioni esistenti. Ad esempio, Citigroup ha dichiarato che aggiungerà 1.500 dipendenti, aumentando il numero di dipendenti e sostituendo i dipendenti nel 2021, ovvero il doppio del numero di assunzioni di un anno fa. Ci sono circa 4.000 persone in città. Un portavoce di Goldman Sachs ha affermato che la banca ha circa 2.000 dipendenti nella Grande Cina e prevede che il numero di assunzioni a Hong Kong quest’anno aumenterà del 20%.

Secondo i dati sul suo sito web, la Securities and Futures Commission, l’ente regolatore del mercato di Hong Kong, ha visto un rimbalzo del numero di licenze rilasciate al personale coinvolto nella gestione patrimoniale, titoli e altre attività finanziarie. Rispetto a nove mesi fa, il numero totale di licenze rilasciate a fine marzo è aumentato dell’1,7%, leggermente inferiore al picco storico del 2019.

“Hong Kong ha alcuni vantaggi unici e continuerà a essere la porta di accesso alla Cina per molti dei nostri clienti locali e globali”, ha affermato Kaleem Rizvi, capo del corporate banking di Citi Asia Pacific.

Sei banchieri, reclutatori e altri dirigenti del settore hanno affermato che l’anno scorso molte società finanziarie hanno rallentato il ritmo delle assunzioni dopo che le persone hanno protestato contro il governo cinese e imposto nuove leggi sulla sicurezza alla città per reprimere il dissenso di Pechino e la pandemia di coronavirus.

I maggiori piani di reclutamento di alcuni importanti attori indicano che ora sono disposti a correre rischi politici.

“Rispetto al caos del 2019, tutti nel mondo degli affari con cui ho parlato accolgono con favore la pace e la stabilità ora”, ha affermato Shan Weijian, presidente e amministratore delegato di PAG, un gruppo di private equity con sede a Hong Kong. Alcuni banchieri hanno detto che è certo che, per alcuni professionisti della finanza, ci sono ancora polemiche e disagi in politica. Alcuni lavoratori finanziari stranieri hanno già lasciato o stanno pensando di lasciare Hong Kong, così come migliaia di ex residenti coloniali britannici.

La polizia di Hong Kong ha chiesto ad alcune banche di consegnare le coordinate bancarie degli attivisti dell’opposizione e dei politici arrestati in base alle rigide leggi sulla sicurezza nazionale di Pechino.Il governo ha minacciato di incarcerare il banchiere che gestiva i beni del magnate dei media Li Zhiying. .

Il regolatore finanziario di Hong Kong ha rifiutato di commentare il piano di reclutamento della banca o le preoccupazioni di alcuni banchieri sull’inasprimento politico.

Vicino alla Cina

I banchieri e altri professionisti dei servizi finanziari intervistati da Reuters hanno affermato che la maggior parte dell’attrattiva di Hong Kong deriva dagli stretti legami della città con la Cina e dagli affari che essa porta.

Quell’affare sta esplodendo. Nel primo trimestre del 2021, il flusso dei meccanismi di interconnessione azionaria che collegano le borse di Hong Kong e Shanghai e Shenzhen ha raggiunto un livello record.

I dati di Refinitiv mostrano che nei primi cinque mesi di quest’anno, le società principalmente della Cina continentale hanno raccolto più fondi attraverso la quotazione a Hong Kong rispetto alla somma dello stesso periodo negli ultimi quattro anni. Le transazioni M&A nella Grande Cina sono le più alte dal 2018.

Anthony Fasso, CEO della regione Asia-Pacifico di PineBridge Investments, una società di gestione patrimoniale globale, ha affermato che Hong Kong si sta adattando alla nuova realtà. Faso ha dichiarato: “Crediamo che Hong Kong continuerà ad essere una città internazionale competitiva a livello globale alle porte di una delle economie più grandi e in più rapida crescita del mondo”.

Boom di reclutamento

Un portavoce ha affermato che oltre a Goldman Sachs e Citigroup, UBS ha impiegato 200 dipendenti nell’anno conclusosi a marzo, inclusi 20 nuovi dipendenti a tempo pieno, rispetto ai 7 dell’anno fiscale precedente.

Nell’anno conclusosi a marzo, la banca ha accettato 100 appaltatori e 80 laureati. Questo è il maggior numero di laureati che si sono uniti a UBS in più di 10 anni. La banca ha 2.500 dipendenti a Hong Kong.

HSBC Holdings Plc (LON:) ha dichiarato che prevede di aggiungere 400 dipendenti a Hong Kong quest’anno come parte del suo piano per reclutare 5.000 persone nella regione per la gestione patrimoniale in Asia nei prossimi cinque anni.

Deutsche Bank (NYSE:) L’amministratore delegato di Hong Kong, Lok Yim, ha affermato che dopo il primo trimestre più forte da anni, la banca tedesca prevede anche di condurre ulteriori assunzioni strategiche.

“Potremmo essere due o tre volte più impegnati ora rispetto alla fine dello scorso anno”, ha affermato Olga Yung, direttore regionale della società di reclutamento di Hong Kong Michael Page.





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *