Gli annunci di lavoro in Australia aumentano del 7,9% a maggio


© Reuters. Foto del file: il 7 agosto 2014, un uomo è entrato nel Centrelink del Dipartimento dei servizi pubblici del governo australiano, in cerca di lavoro nei sobborghi di Sydney. REUTERS/Jason Reed/File Photo

Sydney (Reuters) – Gli annunci di lavoro di maggio in Australia sono aumentati per il 12° mese consecutivo, raggiungendo il livello più alto dal 2008, indicando che la domanda di lavoro può resistere al blocco del coronavirus del Victoria e alla cancellazione di alcuni programmi di sostegno del governo.

Secondo i dati diffusi lunedì dal gruppo bancario australiano e neozelandese, il numero totale di annunci di lavoro a maggio è aumentato del 7,9% dal 4,9% di aprile.

Il numero di annunci pubblicitari è stato di 213.894, il livello più alto dal 2008, con un aumento di quasi il 220% rispetto a un anno fa, quando il blocco pandemico nazionale ha chiuso molti settori. La recente chiusura a Victoria deve ancora avere un impatto.

“È improbabile che il blocco vittoriano comprometta la ripresa del mercato del lavoro dello stato”, ha affermato Catherine Burch, economista senior presso ANZ Bank.

“Anche se vediamo un po’ di disoccupazione a giugno, a patto che le restrizioni vengano allentate secondo l’attuale piano a partire dall’11 giugno, data la potenziale forza del mercato del lavoro, i lavoratori dovrebbero riprendere a lavorare o trovare presto un nuovo lavoro”.

Il tasso di disoccupazione sta scendendo molto più velocemente del 5,5% previsto dai politici ad aprile e inferiore al picco del 7,5% della pandemia raggiunto a luglio dello scorso anno.

L’ANZ prevede un tasso di disoccupazione del 4,8% entro la fine dell’anno e del 4,4% entro la fine del 2022.

L’obiettivo della Reserve Bank of Australia è quello di ridurre il tasso di disoccupazione al 4% o anche a un livello inferiore per aumentare finalmente la crescita dei salari e l’inflazione dopo anni di crescita tiepida.

Burch ha aggiunto: “Ciò che è ancora incerto è l’intensità della transizione da una minore sottoutilizzazione a una maggiore crescita dei salari e quindi all’inflazione”.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia associato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidamento a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *