Gli impiegati hanno sempre più bisogno di condizioni flessibili


I colletti bianchi chiedono sempre più una maggiore flessibilità nel luogo e nel momento in cui lavorano come datori di lavoro Lavora duro per riempire la posizione, Il reclutatore sta segnalando.

Ma hanno aggiunto che il divario tra professionisti che possono determinare condizioni come lavorare da casa e professionisti che scelgono meno lavori a bassa retribuzione sta crescendo.

Sebbene molte aziende debbano ancora decidere metodi a lungo termine per il lavoro a distanza e misto, coloro che desiderano assumere potrebbero non avere scelta. I consulenti delle risorse umane affermano che in settori che vanno dalla finanza e dai servizi professionali all’IT o al marketing, ci sono molte offerte di lavoro e i candidati sono scarsi e la maggior parte delle persone è disposta a trasferirsi solo se offre posti di lavoro flessibili.

“Questa è la prima cosa che chiedono. Se non fornisci un mix di opportunità, alcuni candidati non vogliono nemmeno partecipare ai colloqui”, ha affermato Caroline Copley, un senior manager specializzato in finanza e contabilità presso la società di reclutamento Robert Metà. “Le persone non perderanno nemmeno tempo… se la situazione è peggiore della loro situazione attuale.”

Bev White, CEO dell’esperto di reclutamento tecnico Harvey Nash, ha dichiarato: “La flessibilità è la cosa più importante ora. Le persone non amano il pendolarismo a lunga distanza e sono disposte a sacrificare alcuni punti salariali per questa flessibilità. Le organizzazioni stanno lavorando duramente per ottenere candidati per aderire. ”

Dougrod, amministratore delegato senior dell’agenzia per l’impiego Michael Page, ha anche affermato che la maggior parte dei candidati è ora alla ricerca di lavori misti e non prenderà in considerazione un ruolo prima di esaminare i metodi del datore di lavoro.

Il rischio, tuttavia, è che questa preferenza scoperta di recente diventi il ​​brevetto di professionisti ben pagati e il dibattito si concentrerà su dove lavorano le persone, ignorando la necessità di altre forme di flessibilità, come la condivisione del lavoro, il lavoro part-time. di lavoro o compressione e interlacciamento.

Anche durante il periodo peggiore del lockdown, la maggior parte dei dipendenti britannici non ha lavorato da casa. Per loro, la possibilità di scegliere l’orario di lavoro è più importante. Sebbene i datori di lavoro stiano lottando per affrontare le sfide del lavoro misto, sono molto meno aperti ai dipendenti che cambiano l’orario di lavoro.

Un tipo rapporto Il rapporto pubblicato questa settimana dalla società di consulenza Timewise ha sottolineato che il numero di dipendenti part-time è diminuito dall’inizio della pandemia; la proporzione della popolazione attiva è attualmente al livello più basso dal 2010.

La ricerca condotta dall’Employment Research Institute mostra che i lavoratori part-time hanno maggiori probabilità di perdere il lavoro durante il blocco e che, man mano che le restrizioni vengono allentate, sono più lenti a tornare al normale orario di lavoro. Allo stesso tempo, solo l’8% delle offerte di lavoro è pubblicizzato come opzioni a tempo parziale, la maggior parte delle quali è poco remunerata e ha poca autonomia in termini di orario o luogo di lavoro.

Emma Stewart, direttrice dello sviluppo di Timewise, ha affermato che dal momento che le vacanze termineranno a settembre, molti dipendenti part-time credono di “mantenere il lavoro che sta scomparendo” e presto saranno “effettivamente bloccati nel lavoro”.

Ha affermato che la pandemia ha cambiato la percezione del lavoro flessibile, ma gli accordi sono ancora spesso informali e dipendono dall’anzianità e dall’influenza personale sui datori di lavoro.

I reclutatori di colletti bianchi affermano che i cercatori di lavoro sono sempre più disposti a chiedere cambiamenti nell’orario di lavoro. Copley lavora principalmente con società di private equity e società di gestione del risparmio, ha detto che organizzerà un candidato che ha sempre messo in chiaro che ha bisogno di andare a prendere i bambini due o tre giorni alla settimana, come tutti gli altri, questi requisiti non sono più raro.

Ma Stewart ha affermato che la responsabilità “dipende ancora in larga misura dal candidato” e che deve avere abbastanza fiducia per porre domande.

Timewise ha avvertito: “Prima di Covid-19, c’era un mercato del lavoro flessibile a due livelli tra i “ricchi” e i “poveri”. “A causa della pandemia, questo divario si sta ampliando”.



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *