Gli investitori globali scommettono che la brutale ondata di Covid-19 in India ha raggiunto il picco


Gli investitori globali scommettono che il peggio della disastrosa seconda ondata di coronavirus in India è passato, il che contribuirà a spingere il mercato azionario del paese a livelli record.

L’indice Nifty 50, che replica le 50 maggiori società indiane, ha raggiunto il picco questa settimana, in rialzo del 9% rispetto al punto più basso di fine aprile, quando sono aumentate le infezioni da Covid-19.

Questo entusiasmo si è diffuso ad altri asset indiani, poiché il tasso di cambio della rupia rispetto al dollaro USA è aumentato del 4% nello stesso periodo.

La domanda di azioni indiane evidenzia il sollievo degli investitori dalla seconda ondata dell’epidemia Sembra aver raggiunto il topMa sottolinea anche che sebbene il Paese riporti ancora più di 100.000 casi di Covid-19 ogni giorno, i commercianti ritengono che non influirà sugli enormi profitti della più grande azienda indiana.

Brijesh Ved, gestore del portafoglio azionario di BNP Paribas Asset Management India, ha dichiarato: “Per valutare l’India dal punto di vista degli investimenti azionari, gli investitori trascenderanno l’attuale disastro umano”.

Ved ha aggiunto che il paese potrebbe sbarazzarsi della pandemia perché Economia in più rapida crescita E “gli investitori fondamentali a lungo termine come noi continuano a vedere l’India come un mercato in crescita”.

Alcune aziende indiane hanno prosperato durante la pandemia, in parte grazie alla riduzione dei costi, compresi i licenziamenti. Secondo i dati della società di brokeraggio Edelweiss Financial Services, il margine di profitto alla fine del 2020 è al massimo da otto anni.

“La torta potrebbe essersi ridotta, ma la distribuzione della redditività è cambiata molto bruscamente… Aditya Narain, direttore della ricerca di Edelweiss, ha dichiarato: “Affari di fascia alta, questo si riflette nell’indice di mercato. “

indiano Seconda ondata Il sistema sanitario è sopraffatto, causando gravi carenze di ossigeno e medicinali e colpendo l’economia. Ma i tassi di infezione sono ora in calo nella maggior parte del Paese, compresa la capitale New Delhi e il centro finanziario Mumbai.

Le autorità hanno riferito mercoledì che ci sono stati 133.000 nuovi contagi e 3.200 decessi il giorno prima, al di sotto dei massimi giornalieri di oltre 400.000 e 4.500 a maggio. Si ritiene che i dati ufficiali siano sostanzialmente sottostimati.

Vikash Kumar Jain, analista di investimenti presso la società di brokeraggio CLSA, ha affermato che dopo un gran numero di deflussi in aprile e maggio, negli ultimi giorni gli afflussi di capitali esteri hanno iniziato a riprendersi.

Ha aggiunto che gli investitori potrebbero essere desiderosi di aumentare la loro esposizione all’economia indiana, che potrebbe essersi ripresa dalla seconda ondata di ondate economiche alla fine di quest’anno.

Gli utili del primo trimestre delle società indiane non hanno rispecchiato il peggio dell’ultima ondata, che è rimbalzata ad aprile. Tuttavia, gli investitori sospettano che qualsiasi perdita di reddito sarà di breve durata.

Hemang Jani, stratega azionario presso l’agenzia di brokeraggio Motilal Oswal Financial Services, ha dichiarato: “Sentirai che questo sarà un mese o due e sarà normale, e quindi la crescita dei profitti riprenderà molto rapidamente”.

Tuttavia, Narain ha avvertito che la seconda ondata potrebbe avere un impatto più duraturo rispetto alla prima ondata, specialmente in aree come la domanda dei consumatori.

Ha detto: “Potrebbero esserci alcuni controlli di realtà sul mercato”, aggiungendo che “nessuna famiglia non è interessata”.

Le ultime notizie sul coronavirus

Prestare attenzione al rapporto e all’analisi in loco del “Financial Times” britannico sull’epidemia globale e sulla crisi economica in rapida evoluzione Qui.



Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *