Gli sponsor olimpici chiedono il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo per consentire più spettatori


Alcuni dei più grandi sponsor giapponesi delle Olimpiadi di Tokyo sperano che gli organizzatori rinviino le Olimpiadi di qualche mese per consentire a più spettatori di partecipare.

Secondo persone a conoscenza della questione, la proposta è stata avanzata in privato nelle scorse settimane.La richiesta arriva dopo che alcune delle 47 società giapponesi hanno pagato collettivamente più di 3 miliardi di dollari per sostenere i Giochi Olimpici, rendendolo sempre più frustrante. I più sponsorizzati Eventi sportivi nella storia.

“Non credo che questa proposta avrà un forte impatto sugli organizzatori perché sembrano totalmente determinati Inizia il 24 luglio“, ha affermato un dirigente senior di un sostenitore dell’impresa.

“Ma dal nostro punto di vista, ha più senso ospitare le Olimpiadi quando più persone vengono vaccinate, il clima è più fresco e l’opposizione pubblica potrebbe essere inferiore”.

L’epidemia di Covid-19 e il lento lancio del vaccino hanno frustrato l’opinione pubblica: i sondaggi di opinione mostrano che ben l’80% dei giapponesi vuole che le Olimpiadi vengano cancellate o rinviate.

Il numero totale di persone che hanno ricevuto almeno una volta vaccinazione La popolazione del Giappone ha superato i 14 milioni, pari all’11% della popolazione totale.

Il Comitato Olimpico giapponese ha detto ai suoi sponsor ad aprile che la decisione chiave se consentire agli spettatori di guardare l’evento non sarà presa fino all’ultimo minuto, che potrebbe essere il 24 giugno.

Molte aziende hanno svolto un gran numero di attività di marketing intorno ai regali dei biglietti della sede e alle attività promozionali. Banche, broker, compagnie assicurative e altri grandi sponsor industriali hanno pianificato di utilizzare questi eventi per l’intrattenimento aziendale.

Due persone presenti alla conferenza hanno affermato che alcune aziende ritengono che il denaro speso per la sponsorizzazione olimpica sia in realtà “inutile”, ma se sono consentite più attività intorno al pubblico e ai luoghi, il ritardo restituirà loro un certo valore.

Quando i preparativi per le Olimpiadi sono entrati negli ultimi 50 giorni, alcune persone hanno suggerito di posticipare l’ultimo minuto a fine settembre o ottobre.

Un alto dirigente dello sponsor ha dichiarato che la proposta di estensione porta benefici tangibili. Ha detto che la società non investirà più fondi per il progetto, ma se i Giochi Olimpici si terranno entro la fine dell’anno, la società prenderà in considerazione il pagamento di ulteriori tasse di sponsorizzazione.

“Se le Olimpiadi iniziano tra pochi mesi, verranno vaccinate più aree in questo paese e l’incertezza diminuirà. Naturalmente prenderemo in considerazione l’idea di investire più denaro come sponsor”, ha affermato.

Ha aggiunto che la sua azienda ha avuto un dibattito interno sul rischio di collegare il suo marchio al medico giapponese Shigeru Omi che ha risposto alla nuova epidemia di polmonite da corona, affermando che nell’ambiente attuale si verificheranno eventi “irregolari”.

Un altro responsabile di un’azienda giapponese che sostiene l’offerta di Tokyo per le Olimpiadi ha dichiarato: “Il Giappone dovrebbe fare ogni sforzo per rendere le Olimpiadi come previsto e il governo dovrebbe accelerare il lancio dei vaccini. Ma dovrebbe anche preparare un piano B che è ritardato di due o tre mesi”.

Il Comitato Organizzatore di Tokyo 2020 non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La comunità imprenditoriale è profondamente divisa sul fatto che il paese debba ospitare le Olimpiadi. Sun Zhengyi, fondatore di Softbank, e Hiroshi Mikitani, CEO del gruppo di e-commerce Rakuten, sono tra gli avversari più forti.

Ma anche tra gli sponsor, l’azienda si trova in una posizione scomoda e il pubblico si oppone con forza, rendendo difficile la promozione dell’evento.

Akio Toyoda, amministratore delegato dello sponsor olimpico globale Toyota Motor Corporation, ha espresso disappunto giovedì per i lenti progressi del Giappone nel controllo del Covid-19.

“Questa è una grave emergenza… Ciò richiede la gestione della crisi”, ha detto Toyoda. “La realtà è che siamo ancora in un periodo di ansia e insoddisfazione”.

Aggiornamento aziendale sul coronavirus

In che modo il coronavirus influenza il mercato, le imprese, la nostra vita quotidiana e i luoghi di lavoro? Tieniti aggiornato con la nostra newsletter sul coronavirus.

Registrati qui



Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *