Gli Stati Uniti lanciano un centro online per aiutare le vittime del ransomware Reuters


© Reuters. Foto del file: nell’immagine del file illustrata del 28 febbraio 2013, un uomo che digita sulla tastiera di un computer a Varsavia.REUTERS/Kacper Pempel/File Photo

Sarah N. Lynch

WASHINGTON (Reuters) – Giovedì il governo degli Stati Uniti ha annunciato un centro online per le vittime di attacchi ransomware, affermando che se aziende e comuni diventano obiettivi di hacker informatici, sarà più facile per aziende e comuni trovare risorse e ottenere aiuto.

Il sito Web www.StopRansomware.gov è un’iniziativa guidata dal Dipartimento di Giustizia e dal Dipartimento per la sicurezza interna.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha dichiarato in una dichiarazione che molte risorse e informazioni richieste dalle organizzazioni per rispondere agli attacchi ransomware sono state tradizionalmente sparse su più siti Web, il che aumenta la “possibilità di perdere informazioni importanti”.

Ha affermato che il nuovo sito Web è “il primo hub centrale per integrare le risorse ransomware di tutte le agenzie del governo federale”.

Il sito è stato lanciato dopo un attacco ransomware contro Colonial Pipeline Co. all’inizio di quest’anno, che ha causato una diffusa carenza di distributori di benzina sulla costa orientale degli Stati Uniti.

Il Dipartimento di Giustizia è stato in seguito in grado di aiutare Colonial Pipeline a recuperare il riscatto di criptovaluta di circa 2,3 milioni di dollari pagato agli hacker.

Il dipartimento ha dichiarato che nel 2020 è stato pagato un riscatto di circa 350 milioni di dollari ai criminali informatici, con un aumento di oltre il 300% rispetto all’anno precedente.

“Il Dipartimento di Giustizia è impegnato a proteggere gli americani dall’aumento degli attacchi ransomware che abbiamo visto negli ultimi anni”, ha affermato il procuratore generale Merrick Garland.

Dichiarazione di non responsabilità: Media convergenti Vorrei ricordarti che i dati contenuti in questo sito Web potrebbero non essere in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi delle valute estere non sono forniti dalle borse, ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero essere diversi dai prezzi di mercato effettivi, il che significa che i prezzi sono indicativi. Non per scopi di trading. Pertanto, Fusion Media non è responsabile per eventuali perdite di transazione che potresti subire a causa dell’utilizzo di questi dati.

Media convergenti Fusion Media o chiunque sia collegato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni causati dall’affidarsi a dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita contenuti in questo sito web. Si prega di comprendere appieno i rischi ei costi associati alle transazioni sui mercati finanziari.Questa è una delle forme di investimento più rischiose.





Source link

Autore dell'articolo: Redazione EconomiaFinanza.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *