Gli Stati Uniti prendono di mira le possibili tariffe della Cina sui magneti di terre rare


L’amministrazione Biden sta valutando se le importazioni di magneti in terre rare, fabbricati principalmente in Cina, costituiscano una minaccia alla sicurezza nazionale che potrebbe richiedere tariffe.

La Casa Bianca ha affermato che il Dipartimento del Commercio esaminerà se indagare sui magneti al neodimio, che vengono utilizzati per produrre di tutto, dagli smartphone agli smartphone. Motore per auto elettrica Electric.

Il presidente Joe Biden sta valutando la mossa come parte delle misure annunciate dalla Casa Bianca martedì Migliorare la resilienza della catena di approvvigionamento degli Stati Uniti Per paura di un’eccessiva dipendenza dalla Cina, nei campi delle terre rare, del cibo e delle medicine.

Il governo deciderà se indagare sull’impatto delle importazioni di magneti al neodimio sulla sicurezza nazionale ai sensi della Sezione 232 del Trade Act del 1962, che è stato raramente utilizzato prima che l’ex presidente Donald Trump lo utilizzasse per le indagini. Dimostrare che è ragionevole imporre dazi sull’acciaio Oltre a importare alluminio dagli alleati americani.

“Per quanto riguarda i magneti al neodimio, queste tariffe riguarderanno direttamente la Cina, che è dominante nella sua produzione”, ha affermato Martijn Rasser, esperto tecnico presso il Center for New American Security a Washington. “Se le tariffe sono abbastanza alte, questo potrebbe fornire incentivi economici per stabilire industrie nazionali negli Stati Uniti”.

Washington è sempre più preoccupata La posizione di leader della Cina nel campo delle terre rare, 17 elementi metallici vengono utilizzati per fabbricare prodotti commerciali come dischi rigidi per computer e prodotti militari come radar, sonar e missili guidati di precisione.

Il Financial Times ha riferito a febbraio che la Cina Considera la limitazione delle esportazioni Terre rare utilizzate nella produzione di caccia F-35.

“Siamo molto dipendenti dall’importazione di magneti di terre rare al neodimio, specialmente dalla Cina. La Sezione 232 è un altro strumento che possiamo usare per aiutare… a ridurre la nostra dipendenza”, ha detto un alto funzionario degli Stati Uniti.

“Non abbiamo in programma di lanciare una guerra commerciale con i nostri alleati e partner”, ha aggiunto il funzionario.

Quando Biden ha ordinato una revisione della catena di approvvigionamento, ha dato la priorità semiconduttore, Terre rare, prodotti farmaceutici e batterie per veicoli elettrici.

I funzionari hanno affermato che il governo avrebbe utilizzato il National Defense Production Act, una legge dell’era della Guerra di Corea del 1950 che consentiva agli Stati Uniti di costringere l’industria a dare priorità ai contratti governativi per aiutare la sicurezza nazionale, restituire la produzione di 50-100 farmaci chiave dall’estero.

Il Dipartimento dell’Energia prevede di rilasciare un piano decennale per sviluppare la catena di approvvigionamento nazionale delle batterie al litio, che sono vitali per i veicoli elettrici, e utilizzerà immediatamente un prestito di 17 miliardi di dollari per sostenere questo sforzo. Il Dipartimento dell’Agricoltura investirà 4 miliardi di dollari ciascuno per aiutare a rafforzare e diversificare la catena di approvvigionamento alimentare degli Stati Uniti.

Biden cercherà anche di tenere un forum con gli alleati per promuovere la cooperazione nella catena di approvvigionamento.Anche lui Spero di discutere di questo problema Dopo il G7 della Cornovaglia, il vertice Ue-Usa a Bruxelles la prossima settimana.

Il funzionario ha affermato che il governo formerà anche una “forza di sciopero commerciale” guidata dalla rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai, proponendo di intraprendere azioni di contrasto contro i paesi che si impegnano in pratiche commerciali sleali e indeboliscono la resilienza della catena di approvvigionamento degli Stati Uniti.

Seguire Dmitry Sebastopoulo Su Twitter





Source link

Autore dell'articolo: amministrazione2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *